Questo sito contribuisce all'audience di

Lui architetto da 13 anni, lei esperta di comunicazione. Insieme vendono passatelli con un camioncino. Ma è giusto?

Vanno via anche 150 porzioni in due ore. Ma con i loro studi, Simone e Silvia non meritavano qualcosa di più? E finiremo tutti a fare i pizzicagnoli nell'italietta dei dehors?

Condivisioni

CAMBIARE MESTIERE

Facciamo i migliori auguri a Simone Silvani e Silvia D’Altri: hanno avuto coraggio. Non sono due ragazzini, ma un uomo e una donna maturi, con un ottimo curriculum di studi alle spalle, un’esperienza professionale frustrante, e una scelta di vita lavorativa molto radicale. Hanno messo in piedi una nuova attività, un camioncino con la sigla ASpasso per vendere passatelli e panini.

LEGGI ANCHE: Giovani che emigrano in massa, non è giusto invitarli a Non tornare. Piuttosto, alzino la voce con padri e nonni

ASPASSO SIMONE SILVANI SILVIA D’ALTRI

Simone, dopo la laurea con ottimi voti, ha fatto l’architetto per 13 anni. Più rogne che guadagni, e scarse prospettive per il futuro, salvo una vita da precario. Silvia, invece, proviene da un altro universo di studi che sforna di disoccupati in serie: una facoltà di Scienze della Comunicazione. E anche lei, tanta fatica, tanti lavoretti, anche nel marketing, e pochi guadagni.

I passatelli venduti sulla strada invece funzionano. Se ne vendono anche 150 porzioni in un paio d’ore, durante la pausa pranzo o nei fine settimana, e i costi di un’attività itinerante legata al food sono piuttosto contenuti. Tanto che camioncini e ape sono diventati i nuovi luoghi di questa economia da strada. Un’idea semplice, ma efficace anche grazie a due ricette sulle quali Simone e Silvia si considerano imbattibili: i passatelli con il ragù bianco di mora romagnola e quelli cacio e pepe.  Molto richiesti, come i panini con pane toscano.

PER APPROFONDIRE: Passatelli in brodo vegetale, la ricetta per cuocerli in 5 minuti

RICOMINCIARE DA ZERO

Fatti i complimenti alla coppia di piccoli imprenditori-commercianti, ci viene qualche dubbio ricostruendo la loro storia. Primo dubbio: A che cosa sono serviti decenni di studi, anche faticosi, se poi bisognava mettersi a vendere passatelli con un camion? Tanto valeva iniziare prima, senza sprecare tempo (anni) e soldi (rette varie) per fare l’università. Seconda domanda: augurando a Simone e Silvia le migliori soddisfazioni, era proprio questo il loro progetto di vita? In Italia siamo arrivati al punto che si nasce, e si diventa architetti, e poi si è costretti a scegliere la strada di una piccola attività in proprio, con pasta e panini: un’inversione perlomeno singolare. Terza domanda: ma allora i giovani, oltre all’eredità e alla fuga all’estero, possono solo sognare un lavoro nel food? E l’Italia è proprio condannata a essere un paese di pizzicagnoli e dehors? Non c’è altro nell’immaginario delle nuove generazioni?

Segnaliamo, a conclusione di questa storia agroamara, che in Italia mancano 150mila tecnici, che con competenze da istituti tecnici (e non necessariamente da università) potrebbero trovare lavoro nell’efficienza energetica, nelle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, nel made in Italy, nei Beni culturali e nel Turismo. Posti persi, sprecati. E posti di lavoro, forse con una qualità superiore alla vendita di passatelli e panini con un piccolo camion.

(Le immagini sono tratte dalla pagina Facebook di ASpasso)

METTERSI IN PROPRIO E CAMBIARE VITA:

  1. Claudia e Maurizio si sono trasferiti in Norvegia per riappropriarsi della loro vita (foto)
  2. In Abruzzo l’azienda agricola dove gli ortaggi crescono al ritmo della musica di Mozart
  3. Iwan, l’ex manager diventato allevatore di lumache in un paesino di 100 abitanti (foto)
  4. In Colombia un netturbino con la passione per la lettura ha salvato 20mila libri
  5. Maria, Marina, Patrizia e Anna: quattro donne che hanno scelto di fare le colf e le badanti
  6. Lasciare la città per vivere in montagna, la scelta radicale di Tommaso e Alessia (foto)