10 modi per essere gentili | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

10 modi per essere una persona gentile

Non essere chiusi e sgarbati. Ascoltare e accettare la diversità. Non dimenticare tre parole: scusa, grazie e prego

La gentilezza si conquista e poi non si spreca. Con gesti piccoli, quotidiani, che nel tempo diventano naturali. Marco Aurelio, filosofo e imperatore romano, la definiva “la più grande gioia dell’umanità”, e già i romani conoscevano i benefici per la salute, corpo e psiche, della gentilezza. Per essere gentili, oggi come ieri, ci sono alcuni passaggi fondamentali, che riguardano il nostro approccio verso gli altri come la rinuncia a qualsiasi forma di inutile aggressività.

10 MODI PER ESSERE GENTILI CON GLI ALTRI

Per conquistare il traguardo della gentilezza, prima si parte e prima si ottengono i risultati giusti. Ecco dieci tappe intermedie, tutte da toccare, una per una.

  • Aperti con gli altri

L’approccio iniziale, anche con una persona che non conosciamo, deve essere ispirato dal primo momento al linguaggio della gentilezza. Salutare (ricordare il nome della persona è un segno tangibile della nostra attenzione), ringraziare (grazie è una parola chiave del dizionario della gentilezza) e sorridere (un gesto empatico, che si traduce in una ricerca della condivisione degli stati d’animo).

  • La diversità è ricchezza

Il pensiero unico non ha mai fatto del bene alle singole persone, ai popoli e all’umanità. Bisogna accettare, e considerare una risorsa e non un problema, la diversità delle opinioni e delle convinzioni religiose, politiche e sociali. Per non parlare, ovviamente, delle diversità di razza, di status economico e di orientamento sessuale. La diversità non impedisce di avere opinioni anche controcorrente e di volerle difendere, ma sempre con la mente aperta, pronti a cambiare idea. Solo gli stupidi non lo fanno, e sprecano la ricchezza delle diversità.

  • Niente aggressività

Si può essere forti, anche in modo duro, se necessario, senza per questo superare il confine dell’aggressività. Gli sgarbi sono uno spreco puro, come il rancore: energie che evaporano, e ci mettono in contrasto irreversibile con gli altri. Se dobbiamo difenderci, facciamolo con la temperanza, le buone maniere, e la forza delle convinzioni. Tutti modi che portano alla gentilezza.

LEGGI ANCHE: Perdonare, come concedere il perdono e perché è importante

COME SI DIVENTA UNA PERSONA GENTILE?

Per diventare una persona gentile servono comportamenti basati sul presupposto del vivere bene con gli altri, anche per non finire nelle sabbie mobili della solitudine. Da qui alcuni atteggiamenti.

  • Ascolto e pazienza

Plutarco diceva: non è un caso se abbiamo due orecchie e una bocca. Dobbiamo parlare di meno e ascoltare di più. Sempre, anche quando si tratta di parole che non condividiamo. Quanto alla pazienza, è un metodo strategico delle persone gentili. Sanno prendere il tempo necessario per raggiungere l’obiettivo.

  • Rendere merito agli altri

Senza ipocrisia, con leggerezza e sempre con un sorriso di compiacimento, una persona diventa gentile quando riesce a riconoscere i meriti degli altri, senza sentirsi inferiore. Non siate avari di complimenti, in questo caso, e mostratevi disponibili anche ad ascoltare ciò che la persona alla quale state rendendo merito ha da dirvi.

  • Comunicare senza gelosie

Non arroccatevi nella vostra conoscenza: spargetela a piene mani. Non siate gelosi del sapere, e incentivate sempre la vostra curiosità: è un motore della vita che, tra l’altro, aiuta a tenere la mente fresca e allenata. Comunicate, condividete e trasmettete.

PER APPROFONDIRE: Felici con piccole cose, come questi dieci gesti semplici che portano piaceri grandi

CHI È UNA PERSONA GENTILE?

Una persona gentile è amabile, e ha un senso civico molto alto. Sente la responsabilità di proteggere e non sprecare la bellezza che ci circonda, e si regola di conseguenza. In modo del tutto naturale.

  • Proteggere il Pianeta

Sembra un concetto troppo ampio e astratto. Al contrario, non si può essere gentili senza coltivare quotidianamente, anche con i gesti più semplici, questo vero e proprio comandamento di vita. Come si traduce nella pratica? Non inquinare, non sporcare, ridurre gli sprechi. E ricordarsi, ogni volta che diventa possibile, delle tre R: Riciclo, Riuso e Riparazione.

  • Rispettare animali e piante

Altro aspetto fondamentale, legato alla sostenibilità, della gentilezza. Chi è gentile riesce a dimostrarlo non soltanto nei confronti del prossimo, ma anche per come tratta gli animali, per come cura le piante o coltiva un orto. Non bisogna essere un pollice verde per rispettare il verde. Così come non bisogna essere un campione del club degli amici degli animali per non maltrattarli.

COME SI DIMOSTRA LA GENTILEZZA

Per dimostrare la gentilezza possono bastare gesti semplici, quotidiani, e automatici. In autobus la persona gentile non dimentica di dare la precedenza a una donna oppure a una persona anziana. Stessa cosa quando bisogna attraversare una porta.

  • Condividere la ricchezza

Una persona gentile e benestante non dimentica mai di condividere il suo benessere e metterlo a disposizione anche degli altri. Godere dei propri soldi in solitudine, tra l’altro, è una cosa molto triste e controproducente. Al contrario, vedere altri felici per ciò che riusciamo a condividere con loro, rende felici anche noi. La gentilezza ha sempre un effetto contagioso.

  • Coltiva gli amici

Chi è gentile, per natura, sa bene quanto valga un’amicizia e quanto vada coltivata. Con continuità e umiltà. Dedicando tempo agli altri, non andando sempre di fretta se abbiamo l’opportunità di stare con gli amici. Ascoltandoli. E non aspettandosi mai qualcosa come contropartita.

LE PAROLE PER ESSERE GENTILE

Il vocabolario della gentilezza ha le sue parole chiave. Quelle che possiamo usare in abbondanza e ogni volta che le circostanze lo richiedono. Quali sono le più importanti? Innanzitutto grazie, prego e scusa. Non trascurate l’ultima: facciamo sempre fatica a pronunciarla. Poi ci sono Come stai? e Posso aiutarti? Mostrano i segnali dell’attenzione e della disponibilità. E ancora: quando chiediamo qualcosa, e vogliamo farlo con gentilezza, non dimentichiamo da fare precedere la nostra richiesta da un semplice dittico. Per favore.

VALORI DA NON SPRECARE:

Share

<