Questo sito contribuisce all'audience di

Vene varicose, i migliori esercizi di ginnastica per curarle ed evitarle. Usate scarpe comode, evitate vestiti stretti, e non esagerate con antidolorifici

Ne soffre una donna su due, e un uomo su dieci. La migliore attività fisica è quella di salire le scale a piedi. Cibi consigliati: frutta e verdura, che sono antiossidanti. Cibi e bevande da evitare: fritture e alcol. L’utilità dell’idroterapia

Condivisioni

VENE VARICOSE RIMEDI

Le vene varicose non sono soltanto un problema estetico, con quelle macchie bluastre e violacee che gonfiano gambe e cosce, e con una sensazione di stanchezza che accompagna i movimenti. Chi ha le vene varicose, è bene dirlo con chiarezza e senza inutili allarmismi, ha una vera e propria malattia con una componente estetica. Il sangue non scorre nel modo migliore, i movimenti diventano faticosi, la vena si  dilata e si stira. Di questa malattia, che ha molte cause, dalla cattiva alimentazione alla vita sedentaria, dall’obesità fino a una gravidanza difficile, soffre una donna su due, mentre nel caso degli uomini la patologia riguarda solo una persona su dieci. Ma come si prevengono le vene varicose? E come si possono curare anche con rimedi naturali e non solo con una terapia farmacologica? 

LEGGI ANCHE: Camminare, la migliore medicina del mondo. E bastano appena venti minuti al giorno

COME CURARE LE VENE VARICOSE

  • Scale a piedi e yoga. La migliore forma di prevenzione per le vene varicose è salire le scale, sempre, a piedi. Un esercizio ideale per la dilatazione corretta delle vene e per il miglioramento generale di tutto il sistema sanguigno.  Come ginnastica, l’ideale è lo yoga. E provate a rendere frequente il seguente esercizio: sdraiatevi sulla schiena, appoggiate i piedi a una sedia, respirate lentamente e in modo uniforme con il diaframma, attraverso il naso.
  • Tenete i piedi in alto.Le vene varicose sono vene indebolite che non hanno più la forza di risospingere il sangue al cuore. Le vene delle gambe sono le più esposte al problema, perché sono le più lontane e le più basse rispetto al cuore. Potete facilitare il loro compito facendo in modo che la gravità lavori per voi. È facile. Sdraiatevi su un divano o su dei cuscini e alzate le gambe sopra il livello delle anche ogni volta che vi fanno male. In questo modo il disagio dovrebbe cominciare ad andarsene.
  • Mettetevi delle calze rinforzate.Potete avere un po’ di sollievo con le calze a compressione graduata. Queste calze, che sono in vendita in farmacia, contrastano la tendenza del sangue a ristagnare nei capillari più vicini alla pelle. Invece il sangue viene spinto nelle vene più grosse e profonde, dove viene pompato al cuore con maggiore facilità Una volta che avete indossato le calze rinforzate,  sdraiatevi sulla schiena e alzate le gambe in verticale, appoggiandole contro una parete. Mantenete la posizione per due minuti. Questo permette al sangue di rifluire dalle vene gonfie fino al cuore. Ripetete più volte l’esercizio nel corso della giornata, possibilmente ogni volta che ne avete bisogno.
  • Sollevate il letto. Potete far lavorare la gravità per voi anche durante la notte rialzando il letto nella zona dei piedi di parecchi centimetri. Se avete una storia di problemi cardiaci o se avete difficoltà a respirare durante la notte è meglio consultare un medico prima di rialzare il letto.
  • Mettetevi delle scarpe comode.  Le vene varicose sono già abbastanza scomode per le gambe. Non createvi altri problemi mettendovi tacchi alti o stivali. Usate scarpe comode e calze elastiche, ed evitate vestiti troppo stretti che possono agire come lacci emostatici e fare ristagnare il sangue nelle vene.
  • Attenzione al peso. Il peso eccessivo significa più pressione sulle gambe, e infatti le donne incinte sono più esposte alle vene varicose. Tenete controllato il peso e sarà meno facile che vi si sfianchino le vene.
  • Rimedi naturali. Li mettiamo in fila, come possibili scelte. Ippocastano, rusco, centella, ginkgo, vite rossa, mirtillo. E olio essenziale di lentisco e di cipressi.
  • Aceto di mele. È uno dei rimedi più antichi e talvolta efficace: mettete l’aceto di mele su una garza e massaggiate la parte delle vene gonfiata per almeno mezz’ora. Poi valutate i possibili benefici.
  • Non fumate.  C’è una correlazione fra il fumo e l’incidenza delle vene varicose. Il fumo può essere un fattore di rischio per le persone che soffrono di vene varicose.
  • Fate una passeggiata.Stare seduti o in piedi per lunghi periodi può provocarvi problemi alle gambe perché il sangue tende a ristagnare. Un po’ di movimento qua e là nella giornata, e in particolare qualche camminata, sono una buona prevenzione antiristagno. Gli adulti sedentari hanno più probabilità di avere vene varicose rispetto agli adulti attivi.
  • L’idroterapia. La più efficace è quella del metodo Kneipp, con un passaggio, camminando, in vasche che hanno una temperatura dell’acqua molto differente. Molto calda, e gradualmente, molto fredda, e viceversa.
  • L’alimentazione corretta. Aiuta sicuramente, anche per tenere il peso in forma, un’alimentazione che dia molto spazio a frutta e verdure, ovvero prodotti antiossidanti. Per chi soffre di vene varicose, invece, sono da evitare alcol e fritture.
  • Non nascondetevi il problema con gli antidolorifici. Molto del disagio e dell’oppressione delle vene varicose può essere mascherato dalle pillole antidolore. Ma non fatelo. Non si può affrontare il problema delle vene varicose semplicemente eliminando il dolore. Se avete seguito tutti i consigli della lista e niente ha funzionato chiedete l’aiuto di un medico.

RICETTE IDEALI PER CONSERVARE IL PESO FORMA