Questo sito contribuisce all'audience di

Sud-est asiatico, risaie a rischio sostenibilità

di Posted on
Condivisioni

La colpa è anche deglli errori umani e delle cattive politiche, non è solo il clima a mettere a repentaglio la sostenibilità delle risaie nel Sud-est asiatico. Come riporta lastampa.it, l’allarme è stato lanciato nel corso di un incontro a Banaue (sede degli antichissimi terrazzamenti di riso), nelle Filippine, a cui hanno partecipato gli studiosi di 21 istituti di ricerca, provenienti da paesi come Germania, Vietnam, Filippine, Thailandia, Gran Bretagna, Bulgaria e Spagna.

"Le minacce alla sostenibilità della produzione di riso sono diverse e arrivano da diverse direzioni. I cambiamenti climatici sono una minaccia molto grave, ma non sono l’unica – ha spiegato Joachim Spangenberg, dell’Helmholtz Centre for Environmental Research (Ufz) in Germania, aggiungendo – gli errori umani e la negligenza politica possono essere anche peggiori". Secondo lui, le terrazze di Banaue, patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, e le famose risaie di Sapa, in Vietnam, sono a rischio perchè i coltivatori locali non sono adeguatamente rimborsati per il loro lavoro: "Le terrazze attraggono sempre più l’industria del turismo, che dovrebbe rifondare gli agricoltori, da cui dipende la loro esistenza", ha aggiunto Spangenberg.

A ciò si aggiunge l’abuso di pesticidi, che distrugge il meccanismo di bio-controllo naturale nella produzione di riso. Gli agricoltori sono abituati a innaffiare con pesticidi i loro campi, spesso sotto consiglio dei venditori locali dei prodotti, poco dopo la semina. Questi spray – scrive Science Daily – creano un ambiente favorevole agli insetti, come le cavallette marroni (Nilaparvata lugens), che "depongono le uova sugli steli e sono protette dai pesticidi dai loro abituali nemici, come api parassite e insetti predatori di uova", ha commentato il collega filippino Kl Heong, del Rice Research Institute. L’idea del progetto internazionale Legato, nell’ambito del quale si iscrive l’incontro di Banaue, è di rafforzare la sostenibilità delle risaie, mantenendo l’armonia con il panorama circostante, la biodiversità e l’eredità culturale delle comunità locali, ha concluso il leader del progetto, Josef Settele, dello Ufz.