L’educazione alla sostenibilità passa attraverso lo studio e il gioco | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

L’educazione alla sostenibilità passa attraverso lo studio e il gioco

di Posted on

L’educazione alla sostenibilità coinvolge sempre più ambiti. Dalla scuola alla casa i bambini hanno sempre più occasioni per imparare a conoscere e rispettare l’ambiente. In regioni quali il Veneto, il Piemonte, il Trentino e il Friuli, ad esempio, gli agriasilo iniziano a diventare una realtà importante. Queste strutture dedicate ai più piccoli sono dei veri e propri nidi collocati all’interno di fattorie e aziende agricole e rappresentano al contempo una concreta opportunità imprenditoriale per gli agricoltori e un’alternativa green ai servizi per l’infanzia. Le famiglie, infatti, vedono negli agriasili un’occasione per permettere ai figli di vivere all’aria aperta, ma anche mangiare cibi sani e genuini.

Un’altra iniziativa che sembra coinvolgere molte scuole italiane è il cosiddetto pedibus. Si tratta a tutti gli effetti di uno scuolabus che invece di muoversi su ruote, va a piedi. Guidato da un coordinatore e da altri accompagnatori, il pedibus ha fermate e orari prestabiliti, ma al contrario di un mezzo pubblico non inquina e può essere un’occasione per socializzare, fare movimento e perché no, anche imparare il codice stradale divertendosi.

Anche le lezioni di matematica possono avere una declinazione ecosostenibile. In alcune scuole, infatti, i problemi diventano un modo per spiegare come i comportamenti sociali abbiano un ruolo fondamentale nei mutamenti climatici e dunque rendere più consapevoli le nuove generazioni.

Non solo. L’educazione alla sostenibilità può passare anche dal gioco. In America, ad esempio, da qualche tempo sono in commercio nuovi giochi da tavolo che affrontano l’ecologia in tutte le sue declinazioni. Earthopoly, versione ecofriendly di Monopoli, insegna a conoscere le regioni climatiche e la natura, The Wild Seed Game presenta ai bambini le proprietà della Terra e l’importanza del cibo e della salute, Bioviva spiega alcune delle problematiche legate alla produzione di gas ad effetto serra. Quasi tutti i giochi, inoltre, sono realizzati con materiali riciclati, ma anche colori e colle ecocompatibili.

Educare i bambini alla sostenibilità è dunque una possibilità concreta e un dovere sociale per garantire alle nuove generazioni un futuro migliore.

Shares