Flora della Nuova Guinea - Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Nuova Guinea: “Un paradiso brulicante di vita”. In meno dello 0,5% della superficie terrestre

Un'isola piccolissima che, in realtà, è un gioiello di biodiversità: circa 13700 specie di piante in un territorio grande soltanto due volte e mezzo l'Italia. Ed è ancora tutta da scoprire: si stimano altre 4000 specie ancora non studiate

Un’isola paradisiaca, tanto piccola quanto ricca di biodiversità: la Nuova Guinea occupa meno dello 0,5% della superficie terrestre, ma sul suo piccolo lembo di terra a nord dell’Australia abitano un grandissimo numero di specie di mammiferi, rettili, uccelli, pesci, invertebrati e anfibi. Per dirla con qualche numero: in Nuova Guinea e nelle sue acque circostanti, abita circa l’8% dei vertebrati riconosciuti del mondo, il 4%  dei mammiferi e il 10% delle specie di pesci su scala globale.

LEGGI ANCHE: Foreste, ogni anno vanno persi 10 milioni di ettari con una grade dispersione di biodiversità

FLORA DELLA NUOVA GUINEA

Mille popoli, centinaia di lingue e anche centinaia e centinaia di specie faunistiche e di piante. Per questo la Nuova Guinea è sempre stata meta di spedizioni antropologiche e naturalistiche, di entomologi, biologi ed agronomi che si spostavano nella diversità degli ecosistemi che compongono l’isola: dalle foreste pluviali di pianura alla giungla tropicale, dalle praterie di alta quota ai boschi di montagna con cime innevate e climi rigidi. Proprio un nuovo studio pubblicato su Nature getta una luce sul patrimonio di biodiversità che è questa piccola isola, più sconosciuta e meno scientificamente battuta di altre zone come il Madagascar, colmando una lacuna di conoscenza data un po’ dalla mancanza di coordinamento tra gli studiosi, un po’, anche, dall’estrema frammentazione e incompiutezza delle informazioni.

I 99 esperti di piante provenienti da tutto il mondo e le 55 istituzioni scientifiche di diciannove paesi (tra fondazioni e università) che hanno preso parte allo studio hanno infatti stabilito che sulla piccola superficie dell’isola vi sono 13.634 specie di piante di 1.742 generi e 264 famiglie, numeri che rendono di diritto la Nuova Guinea l’isola floristicamente più diversificata del mondo, staccando il Madagascar con il 19 per cento in più di specie floristiche.

PER APPROFONDIRE: Le quattro Greta dell’Amazzonia: lottano ogni giorno per la difesa dell’ambiente (FOTO)

BIODIVERSITÀ DELLA NUOVA GUINEA

Quanto alle specie arboree, rappresentano il 29% di tutta la flora, concentrata in una superficie che è due volte e mezzo la penisola italiana. In confronto, l’Amazzonia ha 2,6 volte più specie di alberi, ma in un’area 6,4 volte più grande. Il 68% delle piante della Nuova Guinea, oltre 9.300 specie, sono endemiche, cioè si trovano esclusivamente in quella zona, rendendo gli ecosistemi della Nuova Guinea, unici insostituibili per la quantità e la tipologia di specie che lì vivono e trovano il proprio habitat.

Uno dei coordinatori dello studio, Rodrigo Cámara-Leret dell’università di Zurigo, in una delle interviste a corredo del lavoro, la ha definita come “un paradiso brulicante di vita”. Mai definizione fu più calzante, se pensiamo al fatto che altri due docenti responsabili dello studio, William Baker e Timothy Utteridge dei Royal Botanic Gardens – Kew, affermano che ancora non si conosce l’intero patrimonio di biodiversità della Nuova Guinea.  L’esplorazione dell’isola, anche a causa dell’inaccessibilità della parte più interna, è cominciata nel 1700 grazie all’inglese William Dampier, ed è ancora in corso: negli ultimi cinquant’anni sono state scoperte 2800 nuove specie di piante. Eppure un calcolo dei botanici dello studio “New Guinea has the world’s richest island flora”, indica che per i prossimi cinquant’anni potrebbero essere individuate altre 4000 specie. Con buona pace del Madagascar.

STORIE DI AMBIENTE E BIODIVERSITÀ:

 

 

 

 

 

Shares