Fabbrica per il riciclo delle capsule di caffè | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Seruso, la fabbrica per il riciclo delle capsule di caffè. Solo in Brianza recupera 57 tonnellate di alluminio l’anno

Un progetto realizzato dalla mano pubblica, con la partecipazione del gruppo Nestlè e del consorzio Cial. Il 45 per cento del consumo di caffè passa per le macchinette espresso

Un’intera fabbrica specializzata nel riciclo. In particolare delle capsule di caffè, delle quali ormai gli italiani sono diventati grandi consumatori. Siamo a Verderio, in provincia di Lecco, dove la Seruso riesce ogni anno a estrarre da questo rifiuto che arriva da un milione di cittadini della Brianza e della provincia di Lecco, circa 57 tonnellate di alluminio. Un piccolo tesoro di riciclo e un percorso che alleggerisce la catena dello smaltimento, evitando lo spreco di spazzatura, come i residui del caffè, abbandonata nei posti sbagliati.

FABBRICA PER IL RICICLO DELLE CAPSULE DI CAFFÈ

La Seruso è una società pubblica, controllata a sua volta della Silea SpA che gestisce la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti nella provincia di Lecco (80.5 per cento) e per la restante quota da altre aziende ambientali della Brianza e di Cavenago, in provincia di Milano. 

LEGGI ANCHE: Capsule del caffè, ecco il segreto per riciclarle. Così non inquinate e risparmiate (video)

SERUSO RICICLO CAPSULE DI CAFFÈ

Come funziona il riciclo anti-spreco nella fabbrica della Seruso? A monte c’è una corretta raccolta curata dalla Nespresso e dal Cial, il Consorzio nazionale per gli imballaggi in alluminio.

Una volta che le capsule arrivano nella fabbrica di Verderio vengono trattate da un impianto a induzione magnetica per separare le capsule del caffè dai frantumi fini. Quelli dove si trova il prezioso alluminio.

PER APPROFONDIRE: Le tazzine fatte con i fondi di caffè: arrivano da Berlino, e sono belle e sostenibili

IMPIANTO HI-TECH PER IL RICICLO DELLE CAPSULE DI CAFFÈ

L’impianto hi-tech in provincia di Lecco è modernissimo e le sue potenzialità, se fosse replicato in altre zone d’Italia, sono enormi. Soltanto nei primi tre mesi del 2020, il mercato delle capsule per il caffè ha fatturato 114 milioni di euro, le cialde 16,7 milioni di euro. E ormai il 45 per cento del consumo di caffè avviene con le macchinette espresso. 

Da un lato, quindi, c’è il rischio di un enorme spreco, in quanto capsule e cialde a differenza dei fondi di caffè, che possono diventare ottimo concime per le piante in giardino o in terrazza, non sono adatte al riciclo. Dall’altro versante c’è invece un’importante opportunità di riuso, attraverso un processo di lavorazione industriale. In mezzo, a fare la differenza un progetto industriale, con un impianto hi-tech, come nel caso della Seruso.

I PROGETTI IN CONCORSO PER L’EDIZIONE 2020 DEL PREMIO NON SPRECARE:

 

Shares