Retake Roma - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Retake Roma, i volontari che, da dieci anni, ripuliscono i quartieri della città

Sono organizzati in 90 gruppi. E coinvolgono oltre 2.500 cittadini. Obiettivo: pulire, pulire, pulire.

di Posted on

Dieci anni di vita. E circa 1.000 azioni in un anno, quasi 3 al giorno. La storia di Retake, nata nel 2010 con il primo blitz anti degrado, è un caso unico non solo nella capitale del degrado ma in tutta Italia. Tanto che il progetto potrebbe essere esportato a breve anche in altre città del Paese.

RETAKE ROMA

Retake Roma è un movimento di volontari che ha come scopo quello di ripulire la città eterna dalle scritte sui muri, adesivi e vandalismo. Il decoro urbano di Roma è talmente importante per queste persone che si radunano in gruppi, in base ai vari quartieri di appartenenza e vanno ad effettuare dei veri e propri interventi di ripulitura di muri, marciapiedi, cabine telefoniche e così via. I volontari di Retake sono un vero e proprio esercito di sentinelle del decoro urbano, a presidio del bene comune, della città di tutti. Complessivamente i gruppi all’opera nei vari quartieri della capitale sono 90 con la mobilitazione di 2.500 persone.

LEGGI ANCHE: Diamante, in Calabria il borgo che combatte lo spopolamento con l’arte. Oltre 300 i murales che decorano il centro storico

COS’È RETAKE

Manifesti abusivi, volantini attaccati ovunque, sui pali della luce, sui contatori del gas, sui muri e in metropolitana. Nessun luogo sembra sfuggire a questa sorta di degrado in cui nessuno è responsabile e tutti sono complici. Proteggere e migliorare la città non è sempre un compito semplice per questi guerriglieri del decoro urbano. A volte vengono criticati e derisi.

Un gruppo di ragazzi espone dettagliatamente la propria disavventura nel blog Roma fa schifo raccontando che, durante la ripulitura dei manifesti abusivi che tappezzavano un ponte, la gente che passava, abituata al degrado, li ha derisi e criticati: «Così il ponte è un posto sterile, preferivo il colore dei manifesti abusivi!».

PER APPROFONDIRE: Sant’Angelo di Roccalvecce, il paese delle fiabe, la rinascita del borgo, grazie ai murales

RETAKE ROMA: COME PARTECIPARE

Fortunatamente alla maggior parte dei clean-up (interventi di ripulitura) partecipa una grande fetta della popolazione facendo crescere il numero dei guerriglieri del decoro da poche decine a qualche centinaio. Ogni volta che si radunano c’è sempre qualche turista che si aggrega, persone comuni e innanzitutto tanti bambini.

(Le immagini sono tratte dalla pagina Facebook “Retake Roma”)

LE INIZIATIVE PER SALVARE DAL DEGRADO LE NOSTRE CITTÀ:

Shares

LEGGI ANCHE: