Emergenza acqua: perchè il mondo rischia di restare senza oro blu
Questo sito contribuisce all'audience di

Emergenza acqua: la Grande sete, perchè il mondo rischia di restare senza oro blu

Emergenza acqua - Allarme rosso per l'acqua: il mondo rischia di non averne a sufficienza e di soffrire per la Grande sete.

di Posted on
Condivisioni

Allarme rosso per l’acqua: il mondo rischia di non averne a sufficienza e di soffrire per la Grande sete. Si è appena conclusa la settimana mondiale dell’acqua a Stoccolma, la World Water Week, e il campanello d’allarme lanciato dagli scienziati è drammatico: nei prossimi 15 anni circa 1,8 miliardi di persone, praticamente un quarto della popolazione mondiale, avrà un problema di scarsità di risorse idriche.

EMERGENZA ACQUA, I MOTIVI. I motivi dell’allarme sono diversi. Innanzitutto l’andamento demografico, con una popolazione mondiale che crescerà dagli attuali sette miliardi ai dieci miliardi del 2050: da qui una forte impennata della domanda di risorse idriche. In secondo luogo, la sola agricoltura, considerando l’aumento della domanda di cibo, avrà bisogno di altri mille chilometri cubi di acqua all’anno, l’equivalente di venti volte il fiume Nilo.

Ancora: un pianeta più popolato sarà anche un pianeta più affamato, con stili di vita che andranno a convergere verso il modello occidentale. Quindi più acqua per il cibo, a partire dalla carne, considerando che soltanto per un hamburger servono 2.400 litri di acqua.

LEGGI ANCHE: Come non sprecare l’acqua della pasta

EMERGENZA ACQUA, I CONSUMI ENERGETICI. Stesso discorso per i consumi energetici: lo sviluppo degli idrocarburi non convenzionali, a partire dallo shale gas, implicano l’uso di enormi quantità di acqua. A un aumento della domanda, intanto, corrisponderà una diminuzione dell’offerta in seguito ai cambiamenti climatici e alla scarsità di risorse in alcune zone del pianeta. Laddove già oggi il mondo, visto attraverso lo sguardo della Grande sete, si presenta molto diseguale: il 64 per cento delle riserve idriche sono concentrate in soli 16 paesi.

LEGGI ANCHEIl bucato in lavatrice con l’acqua riciclata della doccia

EMERGENZA ACQUA IN ITALIA. E l’Italia? Come si presenta il nostro paese in questo scenario? Siamo il secondo paese al mondo per uso di acqua, superati soltanto dagli Stati Uniti: 385 litri al giorno pro-capite. Troppi. Per dimunirli bisogna incentivare l’uso di acque reflue depurate, ridurre le perdite della rete idrica (oggi attorno al 35 per cento), migliorare l’rrigazione dei campi (l’agricoltura assorbe il 70 per cento dei consumi di acqua), tagliare gli sprechi, a partire dai consumi domestici di acqua.

LEGGI ANCHE: Hamburger vegetali, fast food amico della salute

E innanzitutto rivedere il nostro menù, sapendo che con una dieta gioranliera a base di carne un individuo consumo quotidianamente da i 4 ai 5mila litri di acqua. Al contrario, se sostituissimo al menù carnivoro una dieta vegetariana per cinque giorni e carne e pesce soltanto nei restanti due, potremmo risparmiare qualcosa come 2.500 litri di acqua al giorno. Una bella cifra, in tempi di Grande sete.

LEGGI ANCHE: Come riciclare la pasta avanzata, la ricetta della “finta pizza”