Scioglimento ghiacci Artico: in estate destinati a sparire - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Scioglimento dell’Artico, sarà inevitabile nei mesi caldi nonostante il calo delle emissioni

I benefici per l’ambiente dovuti ai mesi di lockdown in gran parte del mondo, secondo uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Geophysical Research Letters, non saranno sufficienti a scongiurare la scomparsa dei ghiacci nella regione durante la stagione più calda

I ghiacci dell’Artico in estate si scioglieranno del tutto. Nonostante le emissioni siano drasticamente calate a causa delle limitazioni imposte dall’emergenza coronavirus. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Geophysical Research Letters, secondo il quale l’evento temuto da oltre un decennio avverrà in maniera inesorabile se non si scenderà ben oltre i livelli di emissione attuali.

SCIOGLIMENTO GHIACCI ARTICO

Basti pensare che dal 1979 è sparito il 70% della calotta e che dal 2013 il completo scioglimento estivo è diventato sempre più probabile. L’unico argine a questo destino poteva essere rappresentato da una drastica diminuzione delle emissioni di anidride carbonica che, negli scorsi anni, è stata più volte promessa ma mai veramente messa in atto.

LEGGI ANCHE: Svizzera: il funerale degli ambientalisti per la scomparsa del ghiacciaio Pizol (video)

SCIOGLIMENTO GHIACCI ESTATE

Lo studio si basa sulle rilevazioni di 21 centri di ricerca oceanografica di tutto il mondo, che contribuiscono a calcolare un modello climatologico chiamato Cmip6. Tra i 31 firmatari del paper c’è anche un’italiana, l’oceanografa Dorotea Iovino. Lo studio indica che, con le emissioni attuali, il ghiaccio dell’Artico sparirà entro il 2050. Un evento che appare inevitabile anche se effettivamente si riuscisse a rimanere al di sotto dei 2 gradi di riscaldamento rispetto ai livelli pre-industriali.

EMERGENZA ARTICO

La drastica riduzione delle emissioni rimane quindi di “importanza vitale”, chiariscono i curatori dello studio, secondo i quali se il riscaldamento del pianeta non smetterà di aumentare, dopo un’estate senza ghiaccio arriverebbe un inverno troppo mite la sua nuova formazione, con conseguenze catastrofiche per tutto il pianeta.

GLI EFFETTI DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO:

Shares