Erosione coste in Italia, un danno naturale ed economico - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Erosione delle coste, 35 milioni di mq scomparsi in 50 anni. Un danno da 45 miliardi

Spiagge e arenili hanno vissuto un preoccupante arretramento a causa di un fenomeno che è destinato ad accelerare in modo esponenziale anche a causa di interventi dannosi da parte delle amministrazioni locali

di Posted on

L’Italia, in circa 50 anni, ha perso dai 35 ai 40 milioni di metri quadri di coste, spiagge e arenili. Una perdita naturalistica che si converte anche in un danno al sistema Paese che si aggira sui 45 miliardi di euro. Le correnti e le onde, infatti, si stanno portando via diversi metri di costa e allo stesso tempo molte opportunità economiche. Eppure le amministrazioni locali, in questi decenni, hanno provato ad arginare il problema con interventi, alle volte anche molto dispendiosi, che però in diverse occasioni sono risultati essere addirittura controproducenti.

EROSIONE COSTE ITALIA

La fotografia della situazione italiana è stata scattata da una ricerca svolta da BlueMonitorLab, il centro studi sulla Blue Economy in Italia, sulla base dei dati e degli studi elaborati dalla start up Corema Spiagge. Dalla rilevazione emerge che gli interventi di protezione della costa non hanno arrestato il fenomeno erosivo, ma anzi lo hanno accelerato. L’erosione è dovuta principalmente non tanto al moto ondoso ma alla corrente litoranea, sulla quale spesso non si agisce. Nello specifico le correnti, distorte da difese rigide e strutture fisse in mare, che vengono istallate per proteggere le spiagge, finiscono per peggiorare la situazione.

LEGGI ANCHE: Sardegna, approvate le restrizioni per preservare la spiaggia la Pelosa (foto)

DANNO ECONOMICO EROSIONE COSTE

Il fenomeno è molto preoccupante anche a livello economico. Stando a una proiezione di Nomisma, in media un metro quadro di costa produce un reddito pari a circa 1000 euro in termini di entrate turistiche. Con l’erosione maturata negli ultimi decenni il sistema Paese ha visto le onde distruggere oltre 40 miliardi di euro. Una cifra enorme persa soprattuto a casua dell’incapacità di chi se ne dovrebbe occupare.

INTERVENTI CONTRO EROSIONE COSTE ITALIANE

Il problema infatti non sono gli investimenti ma come quei soldi vengono spesi. Per Corema Spiagge, ogni anno, Stato e Regioni spendono più di 100 milioni in interventi di protezione delle spiagge. Questi interventi consistono in pennelli, moli, scogliere artificiali e, in parte, nel ripascimento delle spiagge stesse con materiale di risulta proveniente spesso dai greti dei fiumi. Il risultato però spesso è disastroso: il litorale che dal porto di Margherita di Savoia si estende sino a Manfredonia, ad esempio, a causa di una serie di interventi ha visto allungarsi la costa da sud-est a nord-ovest, mentre ha contribuito a peggiorare il processo erosivo a nord. Uno spreco da 10 milioni di euro.

IL TURISMO CHE DOBBIAMO NON SPRECARE:

Shares