Due scuole a Milano insieme per produrre energia - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Due scuole a Milano insieme per autoprodurre energia. E darla gratis anche al quartiere

Il progetto portato avanti dall’Istituto comprensivo Rinnovata Pizzigoni e dal liceo scientifico Bottoni. Nasce così la Comunità energetica Campus Ghisolfa

Due scuole, una sola comunità energetica. Aperta anche ai consumatori sul territorio. Il progetto che si sta realizzando a Milano potrebbe diventare un format da applicare in tante scuole italiane, dove i consumi energetici sono molto alti, anche per lo spreco delle luci accese durante il giorno.

DUE SCUOLE A MILANO INSIEME PER PRODURRE ENERGIA

L’Istituto comprensivo Rinnovata Pizzigoni comprende due scuole primarie (Dante Alighieri e Rinnovata) e una scuola secondaria (Puecher); il Bottoni invece è un liceo scientifico. I due istituti, che aderiscono entrambi alla Rete scuole Green, hanno deciso di installare pannelli solari sui loro tetti, in modo da essere autosufficienti. Non solo. Durante l’estate, il surplus di energia sarà donato alla Comunità energetica del territorio.

LEGGI ANCHE: Comunità energetica, a San Lazzaro sono i cittadini che costruiscono l’impianto fotovoltaico della scuola

COMUNITÀ ENERGETICHE RINNOVABILI

Le due scuole, insieme, saranno il motore di una Comunità energetica rinnovabile (con lo slogan “La scuola ha energia per tutti” e il nome Campus Ghisolfa), che potrà ricevere finanziamenti da leggi nazionali, regionali e comunali. “La cosa sicura è che questo progetto è una risposta concreta, piccola ma significativa, alla crisi energetica che attraversiamo, specie dopo la guerra in Ucraina. E allo stesso tempo rappresenta un modo per avvicinare gli studenti all’educazione ambientale e ai temi della sostenibilità. Anche per aiutare persone che sono in difficoltà” spiega Teresa Ferri, preside dell’Istituto Rinnovata Pizzigoni.

Il progetto è candidato al Premio Non Sprecare 2022, nella sezione “Scuole”. Per candidare i vostri progetti, seguite le istruzioni fornite qui.

I PROGETTI IN CONCORSO PER IL PREMIO NON SPRECARE 2022:

  1. Krill Design: lampade da scarti di arance e caffè
  2. L’azienda agricola Bosco Gerolo, che vende formaggi e biometano ricavato dal letame delle mucche
  3. Green Breath: piante per pulire l’aria
Share

<