Green Breath: piante per pulire l’aria | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Green Breath: piante per pulire l’aria

Non solo decorative, ma anche filtri naturali per disinquinare. Un progetto che si ispira alla Fabbrica dell’aria di Firenze

Fino a che punto le piante possono modificare non solo l’estetica dei luoghi e degli ambienti, ma anche il livello di inquinamento? E come possono essere trasformate da elementi solo decorativi in veri e propri filtri naturali e vegetali? Attorno a queste domande si sta spingendo una nuova ricerca e nuovi format, come nel caso del progetto Green Breath.

GREEN BREATH

L’idea di Green Breath è di Carolina Camurati, psicoterapeuta di formazione junghiana, che punta a realizzare spazi urbani dove la presenza delle piante e del verde sia sempre più strategica e funzionale al miglioramento dell’ambiente. Da qui piccole serre per depurare l’aria, biowall, giardini sostenibili. Contesti con i quali le piante possono riuscire a eliminare fino al 95 per cento delle sostanze tossiche nell’aria.

LEGGI ANCHE: A Firenze, la rinascita dell’ex Manifattura Tabacchi grazie alla sostenibilità, alla creatività e alla “Cura” di sei giovani artisti emergenti

MANIFATTURA TABACCHI FIRENZE

Green Breath è un progetto che si ispira alla Fabbrica dell’aria, l’intervento realizzato a Firenze presso l’ex Manifattura Tabacchi con la supervisione di Pnat, lo spin off dell’università di Firenze creato dallo scienziato Stefano Mancuso. Nella Fabbrica dell’aria un sistema di filtrazione botanica usa le piante per creare un dispositivo naturale di depurazione dell’aria. Banano, ficus, kentia, filodendrum: sono alcune delle piante che trattengono e degradano le molecole inquinanti. Sia quelle organiche, sia quelle inorganiche (dal biossido di carbonio alle polveri sottili).

Il progetto è candidato al Premio Non Sprecare 2022, nella sezione “Giovani”. Per candidare i vostri progetti, seguite le istruzioni fornite qui.

I PROGETTI IN CONCORSO PER IL PREMIO NON SPRECARE 2022:

 

Share

Nessun commento presente

Che ne pensi?

<