Come profumare il bucato durante e dopo il lavaggio
Questo sito contribuisce all'audience di

Come profumare il bucato durante e dopo il lavaggio

Durante il lavaggio: acido citrico e olio di gelsomino. Dopo il lavaggio: gessetti e sacchetti profumati. Un tocco di profumo anche durante la stiratura

A chi non piace un bucato profumato? Rende un’idea di pulizia, di fresco ed emana un odore gradevole. Tra l’altro, è molto facile preparare in casa soluzioni che lo deodorino, senza ricorrere all’acquisto di prodotti nella grande distribuzione.

COME PROFUMARE IL BUCATO

Il bucato lo si può profumare sia durante che dopo  il lavaggio.

  • Se volete che i vostri panni siano deodorati mentre vengono lavati durante il ciclo in lavatrice, potete adoperare un profumatore di quelli che si trovano presso la grande distribuzione oppure ricorrere ad un ammorbidente “fai-da- te”. Realizzate quest’ultimo con 200 gr di acido citrico da sciogliere in acqua. Poi, profumatelo aggiungendogli 15 gocce di un olio essenziale che vi piace. L’ammorbidente “fai da te” potete usarlo all’inizio del lavaggio oppure subito prima dell’ultimo risciacquo. Se lavate i capi a mano, adoperate gli olii essenziali nella bacinella in cui disponete in ammollo i panni. Durante il lavaggio, potete anche mettere qualche goccia di profumo per il bucato dentro il cassetto dell’ammorbidente. Oppure, potete mettere questo profumo direttamente dentro la bottiglia del vostro detersivo per la lavatrice, soprattutto se ha un odore neutro.
  • Se per asciugare i panni adoperate un’asciugatrice, deodorateli mettendo dentro il cestello di questa un panno di cotone intriso di olio essenziale, in modo che poi il calore della macchina diffonda l’aroma sui capi.
  • Durante la fase dello stiraggio, potete vaporizzare sui panni un appretto fai- da- te realizzato con amido di mais, diluito in acqua, e un olio essenziale che gradite. In questo modo, i panni saranno profumati e l’aroma durerà a lungo.
  • Se volete deodorare i panni dopo il lavaggio, allora adoperate dei gessetti profumati, realizzati usando acqua, gesso e un olio essenziale a scelta oppure adoperate dei sacchetti profumati. Sia i gessetti che i sacchetti vengono messi dentro armadi e cassetti, per far sì che sprigionino la loro fragranza una volta che i panni vengano riposti.

LEGGI ANCHE: Come lavare i capi in lavatrice senza rovinarli

OLI ESSENZIALI

Abbiamo già visto quanto gli olii essenziali siano efficaci nella profumazione dei vestiti, sia prima che dopo il lavaggio. Non tutti gli olii, però, sono adatti allo scopo. Ad esempio, quelli resinosi potrebbero provocare la comparsa di macchie sul bucato. Gli olii che sono più indicati a deodorare i capi in lavaggio sono quelli a base di fiori, come ad esempio l’olio di gelsomino. Ottime anche le essenze di sandalo e cedro che fissano l’aroma degli olii. Questi olii, come già detto, possono essere aggiunti all’ammorbidente in lavatrice. Oppure profumate i vestiti con una bella fragranza alla lavanda fatta da voi, con 15 gocce di questo olio essenziale, 15 grammi di bicarbonato e 300 ml di acqua. Mettete il composto in una boccetta spray, per vaporizzare la miscela sui capi, e il gioco è fatto.

Per evitare che sui vestiti si formi la muffa (specialmente su quelli che devono star riposti per lunghi mesi), preparate dei sacchetti di stoffa dentro ai quali metterete dell’ovatta impregnata di tea tree oil o di olio di alloro.

APPRETTO FAI-DA-TE

Potete profumare il bucato anche in fase di stiratura, adoperando un appretto “fai da te” che non solo rende più facile questa operazione ma, altresì, profuma i panni appena lavati. Per prepararlo, dovete procurarvi dell’amido di mais e un olio essenziale che vi piaccia. Prendete un cucchiaino di amido, mettetelo in un po’ d’acqua e aggiungete 15 gocce del vostro olio essenziale. Infine, travasate il tutto in uno spruzzino per nebulizzare la miscela sugli abiti prima di stirarli. 

GESSETTI

Il bucato lo si deodora anche con il metodo dei gessetti profumati, che potete realizzare con le vostre mani. Procuratevi dell’acqua, un po’ di gesso e dell’olio essenziale. In un contenitore versate un bicchiere d’acqua e metteteci dentro due bicchieri di gesso. Mescolate per sciogliere quest’ultimo e poi inserite le gocce del vostro olio. Il composto è così pronto per essere messo nelle formine che vi servono per realizzare i gessetti. Quando questi si asciugano, sono da considerarsi pronti per diventare dei profumatori per armadi o cassetti.

SACCHETTI PROFUMATI

I sacchetti profumati da mettere nei cassetti o negli armadi potete acquistarli nella grande distribuzione o divertirvi a crearli da soli. Procuratevi un sacchetto di stoffa e dei batuffoli di ovatta. Mettete qualche goccia del vostro olio essenziale preferito sull’ovatta e inserite quest’ultima nei sacchetti. Ecco pronto un altro rimedio semplice ed efficace per deodorare il bucato. Infine, collocate i vostri sacchetti negli armadi o nei cassetti e il bucato risulterà sempre profumato.

IDROLATI

Un altro modo naturale per profumare gli abiti, anche mentre li si indossa, è quello che prevede l’uso degli idrolati, cioè delle acque profumate che si ottengono distillando i fiori o le foglie delle piante. Gli idrolati hanno una fragranza delicata che persiste sui capi, rendendoli sempre freschi, come appena lavati.

COME PROFUMARE IL BUCATO STIRANDO

Se volete profumare i vostri capi mentre li stirate, potete creare uno spray “ad hoc”. Mettete dell’acqua distillata dentro uno spruzzino e aggiungete qualche goccia del vostro olio essenziale preferito. Mescolate e poi vaporizzate quest’acqua sul capo, appena prima di stirarlo con il vapore. Il calore del ferro attiva al meglio la fragranza dell’olio che persisterà sulla stoffa. All’acqua potete anche aggiungere, anziché l’olio essenziale, qualche goccia del vostro ammorbidente, che non solo profumerà i vestiti ma renderà anche i capi molto più lisci e facili da stirare.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato. Clicca qui!

CONSIGLI UTILI PER LAVARE E IGIENIZZARE I CAPI SENZA ROVINARLI:

Share

<