Come eliminare la polvere dai paralumi | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Come eliminare la polvere dai paralumi

Partite con una semplice spazzola per i tessuti e eliminate la polvere. Le macchie gialle vanno via con aceto di mele, oppure bicarbonato o succo di limone

Sono punti molto delicati delle pulizie domestiche. Molto visibili, ma spesso trascurati. E così sui paralumi di stoffa si accumula polvere che sicuramente peggiora la qualità dell’aria e offre a chi arriva una sensazione di sporcizia. Come si puliscono i paralumi di stoffa? Quali sono i rimedi naturali più adatti? Vediamo le soluzioni, partendo da un metodo: prima bisogna eliminare la polvere poi si può procedere con il resto.

COME ELIMINARE LA POLVERE DAI PARALUMI

Vediamo insieme come sia possibile pulire in maniera efficace e veloce i paralumi particolarmente impolverati.

  • Sui paralumi, di qualunque materiale essi siano fatti, si accumula tanta polvere che è necessario eliminare, per lo meno una volta alla settimana, per evitare si formino degli antiestetici aloni grigi. Per eliminare la polvere è sufficiente adoperare una spazzola adesiva per i tessuti.
  • Anche l’aspirapolvere può essere un metodo valido per rimuovere la polvere in eccesso dai paralumi. Basta soltanto indirizzare il bocchettone apposito per i tessuti verso l’oggetto e aspirare.
  • Un altro metodo prevede l’uso del phon, soprattutto se il paralume in questione è piccolo. Il phon aiuta ad eliminare la polvere anche nei punti più nascosti. È consigliabile impiegare, però, il getto freddo.
  • Anche uno spazzolino o una spazzola con setole morbide sono validi rimedi contro la polvere, specialmente se il paralume è di piccole dimensioni.

LEGGI ANCHE: Lampada da tavolo fai da te, come realizzarla con il riciclo creativo

COME PULIRE I PARALUMI DI STOFFA, DI CARTA E IN PERGAMENA

I paralumi in stoffa sono di sicuro quelli più utilizzati per lampade e lampadari ma non sempre prevedono lo stesso iter per ciò che concerne la pulizia. Esistono, infatti, diverse tipologie di stoffa e dunque diversi modi di pulirle, soprattutto quando si tratti di tessuti estremamente delicati. Vediamo quali sono i vari metodi per pulire i paralumi in stoffa.

  • Il paralume in seta si spolvera prima con un pennello oppure con l’aspirapolvere, per rimuovere tutta la polvere dalle fessure e dalle pieghe. Dopodiché, lo si immerge in un grande contenitore (o nella vasca) riempita di acqua calda in cui vi sia un detergente delicato e lo si strofina con una spazzola morbida, anche più volte se lo sporco è ostinato. Alla fine, il paralume viene sciacquato per rimuovere il sapone in eccesso. Per i paralumi in seta o in shantung, può essere usato anche un batuffolo di cotone imbevuto di acqua e ammoniaca. In ogni caso, per quello in seta si può optare anche per la tintoria che possiede metodi di lavaggio sicuramente più adeguati.
  • Nel caso si trattasse di paralumi in lino chiffon, cotone e crêpe, questi possono essere smontati e lavati con una soluzione composta da acqua calda e sapone neutro. Con una spugna, precedentemente immersa in acqua fredda, si tampona delicatamente la superficie sporca e poi si lascia asciugare lontano da fonti di calore.
  • Per uno sporco insistente, si può mettere il paralume in una bacinella con acqua calda e un tappo di ammorbidente, che elimina l’elettricità statica staccando lo sporco dalla stoffa. Con un panno in microfibra si fa una passata sul paralume e con un secondo panno pulito si ripete l’operazione. Il paralume risulta smacchiato e profumato.
  • Se il paralume è in carta, lo si pulisce oltre che con un piumino per la polvere, anche con una bomboletta di aria compressa che abbia una cannuccia, da comprare nei negozi specializzati.
  • Se il paralume è in pergamena, si può adoperare un panno di daino bagnato con un poco di acqua che va tamponato sulla superficie da pulire.

PER APPROFONDIRE: Vecchie grattugie, con il riciclo si trasformano in porta candele, lampadari e vasi per le piante

COME SI PULISCE UN PARALUME INGIALLITO?

Il paralume può anche presentare delle antiestetiche macchie gialle, che si formano col tempo. Vediamo insieme quali sono i metodi naturali per eliminarle.

  • Il paralume di stoffa ingiallito si pulisce con aceto di mele applicato sullo sporco con un batuffolo di cotone. L’aceto va fatto agire per due ore, dopodiché le macchie gialle vanno via, non prima di avervi passato sopra un panno umido.
  • Le macchie gialle si rimuovono con del bicarbonato o del succo di limone. Se si opta per il bicarbonato, si deve preparare una miscela che sia composta da 3 cucicchiai di bicarbonato e 100 ml di acqua, per poi passarla sopra le macchie in questione. La soluzione va lasciata in posa per una notte intera e poi, al mattino, va rimossa con una spazzola e un panno umido. Se si opta per il succo di limone, questo va mescolato ad un bicchiere di acqua e un cucchiaio di sale. Il composto va strofinato sulle macchie e lasciato in posa due ore. Infine, si rimuove con un panno umido.

LAVAGGIO A SECCO PER PARALUMI

Per pulire un paralume si può usare una schiuma per il lavaggio a secco, che basta spruzzare sula stoffa per lasciarla agire una decina di minuti, trascorsi i quali va rimossa con un panno. In questo modo aloni e macchie saranno eliminati del tutto.

PER SAPERNE DI PIÚ: Pentole e padelle troppo vecchie? Non buttatele. Così diventano fioriere, lampadari e centrotavola

COME PULIRE LA LAMPADA DI TOLOMEO

Per pulire la lampada Tolomeo, prodotto di punta dell’azienda Artemide, bisogna prima spolverarla tutta e poi adoperare una spugnetta imbevuta di aceto da passare sulle parti in acciaio; infine, si risciacqua con acqua tiepida. L’asciugatura deve avvenire con un panno morbido in microfibra.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato. Clicca qui!

RIMEDI NATURALI PER LE PULIZIE DI CASA:

Share

<