Come combattere invidia - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Per invidia si possono uccidere persone innocenti. Evitate questo veleno distillato dai social network

Il caso di Antonio che ha ucciso due persone solo per invidia. Come difendersi da questo veleno? L'indifferenza, accompagnata da una risata ironica, è il migliore antidoto

COME COMBATTERE INVIDIA

Per invidia si può anche uccidere. Si uccide. Tra fratelli, come nel caso di Caino e Abele, oppure colpendo due innocenti a sangue freddo, con una raggelante regia, dal primo all’ultimo istante della tragedia. Come ha fatto a Casarano, in provincia di Lecce, un ragazzo ventenne, Antonio De Marco, capace di uccidere a coltellate due pacifiche persone, Eleonora Manta e Daniele De Santis, che lo avevano avuto in casa come inquilino. Antonio non è un drogato. Non è incapace di intendere e di volere. Non ha perso la testa in uno scatto di rabbia. E non aveva nulla di cui vendicarsi. Era solo invidioso per la felicità di due persone conosciute attraverso la convivenza. E il veleno dell’invidia lo ha portato fino alla porta dell’inferno, a un omicidio che non ha più bisogno di alcuna spiegazione.

INVIDIA

Da Aristotele ai social network. Un lunghissimo filo rosso collega il modo con il quale l’antico filosofo greco metteva a fuoco l’invidia e la sua enorme espansione nell’era contemporanea della civiltà di Internet. Per Aristotele l’invidia non era soltanto un sentimento legato al desiderio di ciò che altri, o un altro, possiedono. Scavando più in profondità nell’animo degli invidiosi, Aristotele aveva scoperto il dolore: l’invidioso soffre per la buona fortuna degli altri, e da qui nasce la sua rabbia, la sua depressione, il rancore che accompagna i suoi rapporti con gli altri.

LEGGI ANCHE: Conquistate una panchina ai giardini, un presidio di benessere e di ascolto (foto)

INVIDIA AI TEMPI DEI SOCIAL NETWORK

I social network alimentano in modo esponenziale tutto ciò, e l’invidia trova terreno fertile nell’universo di un parlarsi, talvolta in modo anonimo, dando libero sfogo, senza freni, alla propria invidia. Guardi un amico virtuale, tocchi sullo schermo di uno smartphone il suo successo e il suo gradimento, le sue foto dimostrano uno stile di vita che non puoi permetterti o un traguardo che hai provato tante volte a raggiungere senza risultati, e allora, zac, scatta la tua reazione rancorosa. Un altro te stesso, un avatar, stordito dal dolore aristotelico per ciò che vede, senza alcuna connessione con ciò che si è davvero, si scatena sui social. E rovescia qui tutta la sua frustrazione. Con insulti, imprecazioni, parolacce, sfoghi privi di senso. Ma tornando dal virtuale al reale, c’è da dire che l’invidia è un sentimento faticoso, capace di prosciugare molte delle nostre energie e di fare davvero male. Dunque, meglio prendere in tempo qualche contromisura efficace. 

COME TENERE LONTANA L’INVIDIA

C’è un antidoto contro l’invidia? Possiamo difenderci da un sentimento tanto diffuso, che Cervantes, nel Don Chisciotte, scolpiva così: “La radice di mali infiniti, verme roditore di tutte le virtù“. Un rimedio esiste, ed è il più semplice e naturale possibile: fregarsene. Di fronte all’invidioso, in particolare lo stupido invidioso, non esiste strumento migliore dell’indifferenza, di un dantesco “non ti curar di lor ma guarda e passa“, accompagnato da una risata ironica che può davvero seppellire questa diabolica energia negativa.

Anche perché tutti siamo a rischio, almeno potenzialmente. In una notte estiva, Paolo Villaggio riuscì a incantarmi, con le sue provocazioni, per alcune ore su questo tema, spiegandomi che chi nega l’invidia è un bugiardo, in quanto si tratta di un sentimento umano, umanissimo. Quasi un bagaglio incorporato nella nostra persona. Confesso che l’idea di un vizio capitale (e l’invida lo è) al quale non possiamo sfuggire e del quale restiamo prigionieri, non mi convince. È una sconfitta che non si può accettare a priori, senza se e senza me, e credo piuttosto che l’invidia, una volta riconosciuta anche con un esercizio di umiltà(che non guasta mai), possa essere combattuta, fermata. E perfino evitata, senza fare la morale a nessuno e tantomeno a sé stessi, ma partendo da un’analisi che richiede solo un minimo di senso critico.

COME EVITARE L’INVIDIA

Il perimetro dell’invidia nell’animo umano è stato indagato per secoli, anche dalle menti migliori. Un geniale Plutarco, di fronte alla possibilità che l’invidia possa perfino sfociare nel desiderio di uccidere l’altro, fece una distinzione con l’odio che resta insuperata per lucidità e sintesi. In pratica: l’odio è un sentimento rivolto a chi ci ha offeso, a chi ci ha fatto un torto, a chi è stato ingiusto con noi; l’invidia invece è contro chi, semplicemente, è più fortunato di noi, ha una vita che, almeno in apparenza, va meglio della nostra. In tutti i campi, o in qualche specifico segmento (magari guadagna di più, ha fatto una carriera migliore, ha una casa più bella, etc…). Cervantes, diversi secoli dopo Plutarco, scattò un’altra fotografia universale dell’invidia, in qualche modo in continuità con il pensiero del filosofo e scrittore greco. E nel Don Chisciotte scrisse che «l’invidia è la radice di mali infiniti, un verme roditore di tutte le virtù».

COME FERMARE L’INVIDIA

Mettete insieme Plutarco e Cervantes e avete la sintesi del motivo per cui l’invidia, la nostra invidia, dobbiamo combatterla prima che sia troppo tardi: è uno spreco puro. Un (ri)sentimento che, qui il tema diventa molto attuale, ci trascina verso il rancore sociale, avvelenato dai tempi di Grande Crisi che viviamo e che ancora vivremo, in un dispendio di energie, tempo, lucidità, obiettivi, che davvero diventano un pozzo senza fine di sprechi. E l’invidia è uno spreco enorme anche in quanto, da sola, azzera qualsiasi virtù, quindi ha potere un distruttivo che non può non condurre al nostro malessere e non al nostro benessere. Insomma: l’invidia, a guardarla da vicino, è perfino autolesionista. Alla fine, più che fare del male a un altro, lo facciamo a noi stessi. E forse non lo meritiamo.

VITA NUOVA CON PARADIGMI ANTICHI:

Shares