Come coltivare il ginepro | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Come si usa il ginepro: dal bagno all’infuso. E come si coltiva nel vaso o in giardino

È una piccola conifera che cresce in qualsiasi terreno. E in qualsiasi clima. Una volta cresciuta, la pianta va innaffiata due volte alla settimana

di Posted on

COME COLTIVARE IL GINEPRO

Il ginepro è una piccola conifera, che normalmente non supera i 2-3 m di altezza: inconfondibile per le foglie aghiformi, rigide e pungenti e per i caratteristici frutti simili a bacche, dette galbule o coccole. Maturano in 2 anni, sono tondeggianti, hanno un diametro di 5-8 mm, un forte e gradevole aroma e a maturità sono di un colore azzurro-nerastro, vengono utilizzati di frequente in erboristeria come rimedi naturali per problemi alle vie urinarie e in particolare per la cistite.

PER APPROFONDIRE: Ginepro, le sue bacche curano la tosse e la bronchite. L’olio è ideale per i massaggi

GINEPRO COMUNE E GINEPRO NANO

Il ginepro comune si incontra ovunque, quasi in tutta l’Italia, dalle zone costiere (è frequente nella macchia mediterranea) fino alle località montane. A notevoli altitudini, invece, è presente la varietà montana, il ginepro nano, caratteristica per il portamento strisciante e prostrato, con un’altezza delle piante che non arriva a un metro.

DOVE PIANTARE IL GINEPRO

Il ginepro cresce ovunque, in pianura come in montagna, su terreni di medio impasto e sciolti o anche su quelli asciutti, sassosi e molto permeabili. Resiste al caldo e al freddo, al vento e alla neve, alle nebbie e al secco. Quanto all’esposizione, l’ideale è pizzare la pianta a pieno sole oppure a mezz’ombra. La distanza tra le piante deve essere di 1-2 metri per la varietà nane, e 3-4 metri per la varietà comune.

LEGGI ANCHE: Peperoncino, così si coltiva tutto l’anno in un vaso. Il trucco dell’acqua per renderlo più piccante

COME SI COLTIVA IL GINEPRO

Il ginepro propaga generalmente per seme e nel caso interessi la raccolta delle bacche, si deve tener presente che si tratta di specie dioica (perciò conviene piantare almeno una coppia, cioè una pianta maschile e una femminile). Le piante, che potete sistemare in un vaso o in giardino, assumono un portamento cespuglioso e compatto, talvolta conico o frastagliato. Quando sono piccole vanno innaffiate spesso, una volta cresciute invece bastano due volte alla settimana.

COME SI USA IL GINEPRO

Le foglie si essiccano all’ombra rimescolandole spesso; i frutti invece si essiccano al sole e si conservano in recipienti di vetro. Il ginepro è stimolante, antireumatico, diuretico, depurativo e balsamico: si può utilizzare per fare un infuso o per un bagno balsamico. Nel primo caso mettete in infusione per dieci minuti 30 grammi di bacche in un litro di acqua bollente. Lasciate riposare per dieci minuti, filtrate e bevete. L’infuso di ginepro elimina immediatamente l’alito cattivo.
 
Per un bagno balsamico e purificante, basta una manciata di bacche schiacciate e messe in infusione nell’acqua calda. L’uso dei preparati a base di ginepro, per via del suo alto contenuto di potassio, è sconsigliato alle persone che soffrono di problemi renali.

LE PIANTE DA COLTIVARE IN GIARDINO:

Shares