Questo sito contribuisce all'audience di

Un lavoro meraviglioso, il coccolatore di panda. E anche ben pagato: circa 30mila euro l’anno (foto e video)

In Cina ogni anno 20mila persone si candidano all'attività di cura e protezione di questi meravigliosi animali. In prevalenza si tratta di donne, le più amate dai panda. E se facessimo qualcosa del genere per i nostri cani randagi?

Condivisioni

COCCOLARE I PANDA

Forse è il vero mestiere che tutti dovremmo sognare. Coccolatore di panda, piccolo orso di grandissimo valore e simbologia. Il panda, infatti, è un’icona per il popolo cinese, mentre per noi occidentali è un simbolo di salvaguardia attiva dell’ambiente, della natura, degli animali di tutte le specie. Non a caso è anche il simbolo del WWF, il Fondo mondiale per l’ambiente.

LEGGI ANCHE: Dog Cafè, il bar di Los Angeles dove puoi adottare un cane randagio (Foto)

COCCOLATORI DI PANDA

In Cina il panda è un animale molto amato e super protetto, e l’organismo che si occupa della sua tutela, il Giant Panda Protection and Research Center, ogni anno durante l’estate procede alla selezione dei candidati per i posti di coccolatori di panda.

Ma in che cosa consiste il lavoro? E come si viene retribuiti? Partiamo dal presupposto che si tratta di un’attività molto ricercata: in media a ogni selezione, in Cina si presentano circa 20mila persone. Sicuramente attratte dallo stipendio, 32mila dollari l’anno, pari a circa 29mila e 500 euro, che per la media dei salari cinesi è un valore molto alto. 

Ma c’è altro. È un lavoro appassionante, con questi animali molto dolci e anche ubbidienti, quando si riesce a creare una sintonia con loro. È un lavoro non stop, che bisogna fare 365 giorni l’anno. E consiste nel pulirli, accudirli, coccolarli, sfamarli, farli sentire liberi. Curarli, se necessario.

Le competenze che si richiedono sono molto precise. Ovviamente bisogna parlare cinese. In generale, sono preferite le donne, con una corporazione robusta, in quanto il panda è un’animale che ha una sua forza. E infine, bisogna sapere scrivere bene, in quanto si richiedono poi dei rapporti sulle condizioni di salute degli animali presi sotto tutela.

PER APPROFONDIRE: Carezze e coccole ai gatti, quelle che preferiscono. Amano i massaggi al mento e alle orecchie (foto)

COCCOLARE E ABBRACCIARE I PANDA

L’esperimento cinese è molto interessante, e potrebbe essere preso a modello anche da noi occidentali. Per esempio, per cercare di mettere qualche rimedio alla piaga dei cani e dei gatti randagi. Se si riuscisse a trovare i fondi, con una raccolta di crowdfunding, le amministrazioni locali, potrebbero fare dei mini-concorsi come in Cina. E cercare coccolatori non di panda, ma di cani e gatti randagi. Sarebbe la migliore soluzione a un problema molto diffuso.

ANIMALI DA PROTEGGERE: