Questo sito contribuisce all'audience di

A Milano nelle scuole dell’infanzia arrivano i nonni volontari

“Arrivano i nonni” è un progetto nato dalla collaborazione tra il Comune di Milano, Arci e Terna per favorire il dialogo intergenerazionale nelle scuole milanesi valorizzando l’esperienza dei nonni volontari in città.

Condivisioni

Dolci, affettuosi, comprensivi: i nonni sono una risorsa preziosa all’interno di ogni famiglia. Accudiscono i nipoti quando i genitori sono al lavoro e spesso danno anche un aiuto economico alla famiglia. Ma non solo: i nonni trasmettono ai più piccoli tanti insegnamenti utili e sono spesso anche i loro primi compagni di gioco. Una figura fondamentale quindi per la crescita dei bambini. Ed è per questo e per favorire il dialogo intergenerazionale e valorizzare l’esperienza dei nonni che il Comune di Milano ha deciso di promuovere nelle scuole, anche per il 2014, l’iniziativa Arrivano i nonni“.

LEGGI ANCHE: Come portare i bambini a scuola in bicicletta in maniera sicura? Con la Critical School!

IL PROGETTO “ARRIVANO I NONNI” – Nato da una collaborazione tra il Comune di Milano, Arci e Terna, il progetto si pone l’obiettivo di favorire il dialogo intergenerazionale nelle scuole milanesi valorizzando l’esperienza dei nonni volontari in città.

In particolare, questa bella iniziativa pensata per valorizzare il volontariato degli over 54 che operano a Milano e provincia a favore dei più piccoli, il prossimo anno coinvolgerà più scuole e quindi più bambini e più famiglie: nel 2013 il progetto “Arrivano i nonni” è stato portato avanti in oltre 40 scuole dell’infanzia della città di Milano e ha coinvolto oltre 2mila bambini e le loro famiglie e 40 laboratori di Talenti con il coinvolgimento diretto di nonni volontari.

Ogni mese a Milano 94.722 over 54, circa il 25 per cento del totale di questa fascia di popolazione, svolgono una media di 32 ore di attività di volontariato e aiuto informale sul territorio, mettendo a disposizione della collettività le proprie esperienze e competenze.

La partnership con Terna, grazie al supporto di Fondazione Sodalitas e alla supervisione di SDA Bocconi School of Management, permetterà inoltre di valutare in modo scientifico i benefici sociali che si avranno grazie al progetto.

Un’iniziativa importante che speriamo si estenda presto anche in altre città.

PER APPROFONDIRE: Buone pratiche a scuola, a Novara il cibo non si spreca

 

LEGGI ANCHE: