Idratazione neonati | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

La giusta idratazione dei neonati in estate: cinque consigli

Niente sole se non con un'adeguata protezione, indumenti con tessuti naturali, tanto latte e niente medicine senza consultare il pediatra

Condivisioni

IDRATAZIONE NEONATI

Se il piccolino è eccessivamente sonnolento o molto irrequieto, ha il pannolino troppo asciutto rispetto al solito e notate che le mucose sono secche, drizzate le antenne. Durante l’estate infatti, a causa delle temperature elevate, i neonati corrono più rischi di disidratazione. Che fare per evitare pericoli? Ecco cinque regole d’oro.

  • L’acqua che serve. Un neonato da 0 a 6 mesi ha bisogno di 680 millilitri di acqua al giorno; da 6 a 12 mesi di 0,9-1,0 litri di acqua; da 1 a 2 anni di quasi 2 litri di acqua al giorno.
  • Non ridurre il latte. Ma detto questo non bisogna necessariamente imbottire di acqua i lattanti. Una corretta dieta lattea è sempre preferibile, specie se si tratta di quello materno: il latte, infatti, è ad alto contenuto idrico. In teoria l’acqua non è neanche necessaria. Le mamme in questo periodo possono attaccare più frequentemente il bambino al seno e bere di più loro stesse, per mantenere la giusta idratazione.
  • Come coprirlo. Durante le passeggiate i bebè vanno coperti con indumenti chiari e leggeri, di fibre naturali, che lascino scoperti gli arti. Dunque, non esagerate con la copertura, ma allo steso tempo evitate fibre sintetiche che, con il caldo, possono dare problemi alla pelle.
  • Poco sole. Non ascoltate consigli di segno opposto: i neonati devono prendere poco sole al mare come in montagna. Meglio ancora se lo evitano del tutto: è questa la migliore prevenzione per evitare scottature ed eritemi. Soltanto in rare occasioni si possono usare creme con filtro fisico, contenenti minerali come l’ossido di zinco e il titanio, che impediscono la penetrazione dei raggi di sole.
  • Medicine solo con il pediatra. Qualora insorgessero problemi di qualsiasi natura, non pensate di risolverli con qualche medicinale indicato da un amico o dal farmacista: soltanto il pediatra è in gradi di prescrivere farmaci a un bambino di poche settimane.

PER APPROFONDIRE L’ACCUDIMENTO DEI NEONATI SENZA SPRECHI:

LEGGI ANCHE: