Questo sito contribuisce all'audience di

Voli low-cost, attenzione alle assicurazioni non obbligatorie

Con Ryanair l’assicurazione viaggio si attiva in automatico anche se non è richiesta, la “sorpresa” è sul prezzo del biglietto aereo. Indaga il Movimento dei Consumatori.

Condivisioni

L’estate è alle porte e per molti è arrivato il momento di organizzare le proprie vacanze. Se la scelta ricade sulla compagnia aerea di voli low-cost Ryanair, occhio a non selezionare polizze indesiderate, che in men che non si dica rischiano di far lievitare il costo del biglietto. Anche se facoltativa, l’assicurazione viaggio appare già attiva di default, e la sua disattivazione non è semplice.

In particolare, come contestato più volte dai consumatori, l’opzione si trova nell’elenco dei Paesi di residenza e sembrerebbe selezionabile solo dai clienti che si dichiarano già assicurati. Un’altra gabola, insomma, che si traduce in un fastidioso aumento dei costi e si aggiunge alle già tanto contestate commissioni sulle carte di pagamento utilizzate per comprare il biglietto (pratica multata di recente dall’Antitrust per 400 mila euro, ndr).

LEGGI ANCHE: Come ottenere il rimborso di un biglietto aereo che non si può utilizzare

Il Movimento dei Consumatori ha voluto vederci chiaro, chiedendo al Tribunale di Milano di effettuare ulteriori accertamenti. “Indurre coattivamente il consumatore a spendere per l’acquisto di una polizza assicurativa che è solo facoltativa è sintomatico di un certo modo di fare concorrenza, non sempre corretto e in quanto tale va contrastato” – ha detto al riguardo Alessandro Mostaccio, segretario generale dell’Associazione.

LEGGI ANCHE: Una nuova tassa sui voli: ma come spenderanno i soldi?

LEGGI ANCHE: