Liberalizzazione dei vaccini | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Vaccini per tutti, perché conviene anche a noi liberalizzare i brevetti dei vaccini anti Covid-19

Ogni giorno la pandemia nel mondo sta diventando meno uguale. In America la metà della popolazione è vaccinata. In Asia solo una persona su dodici. E in Africa siamo quasi a zero

Solidarietà. Quante volte abbiamo sprecato questa parola a proposito di relazioni internazionali tra Nord e Sud del mondo, e quante volte l’abbiamo affogata nel lago della retorica senza poi muovere un dito per raddrizzare la globalizzazione ingiusta. Dove i ricchi diventano sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri.

LIBERALIZZAZIONE DEI VACCINI

Adesso abbiamo un’altra occasione storia, con vantaggi per tutti, per applicare la solidarietà agli equilibri geopolitici e in questo caso alla salute dell’intera popolazione del Pianeta: la liberalizzazione dei brevetti dei vaccini. La proposta chiara e forte non è arrivata da qualche leader vetero marxista del Sud America, ma dal presidente americano Joe Biden. Vaccini per tutti, ha detto il presidente degli Stati Uniti, ricordando che ci sono troppe nazioni del mondo dove i piani di copertura della popolazione non sono ancora iniziati. E non inizieranno mai se non ci sarà una forma concreta di condivisione dei piani di protezione di massa.

Lo squilibrio Nord-Sud del mondo di fronte a questa nuova fase della pandemia è evidente. Nel Nord America un abitante su due ormai è completamente vaccinato, in Asia siamo a un abitante su dodici e in diversi paesi dell’Africa (dall’Uguanda al Burundi) siamo a zero. Mentre in questa parte del mondo dove ci troviamo, il Pianeta dei ricchi, si va verso le riaperture e il ritorno a una vita quasi normale, in altre zone del mondo, il Pianeta dei poveri, si precipita in una nuova fase di contagi di massa. Accade in Brasile, per esempio, ma anche in Nigeria e in Sud Africa. Per non parlare dell’India, dove si contano 4mila morti al giorno. Ci sono condizioni ambientali che spiegano questa differenza così abissale. Il quadro demografico, un sistema di assistenza sanitaria molto fragile, la promiscuità dei cittadini, il sovraffollamento dei centri urbani, i comportamenti dei singoli. E innanzitutto la mancanza di risorse per introdurre un vero piano di protezione della popolazione.

LEGGI ANCHE: Vaccino anti Covid e effetti collaterali, ecco i sintomi da tenere sotto controllo

VACCINI PER TUTTI

Ogni giorno che passa la pandemia diventa meno uguale. E senza uno scatto di altruismo sarà difficile riuscire a debellare il Covid-19 su scala mondiale, con problemi che prima o poi torneranno a bussare anche nelle nostre case. Tornando alla proposta di Biden, l’Europa, come al solito, non è stata capace di rispondere con una sola voce. La Francia, e ha parlato il presidente Emmanuele Macron, ha detto di condividere integralmente la proposta di Biden, e questo è già un passo avanti. Anche l’Italia è favorevole, sebbene Mario Draghi, con molta lucidità, abbia abbinato alla liberalizzazione dei brevetti anche la fine del blocco delle esportazioni, che penalizza proprio i paesi più poveri. Contro la proposta di Biden, però si è alzato il muro del no di Angela Merkel. È evidente che la cancelliera stia difendendo gli interessi di grandi gruppi tedeschi, sistemici, come BionTech e CureVac, che potrebbero perdere qualche quota di mercato o margini di profitti su specifici prodotti se i vaccini anti Covid fossero liberalizzati. Ma la Merkel ha mani e piedi legati anche da un altro fattore, squisitamente politico: le prossime elezioni politiche previste per il mese di settembre del 2021. Non può permettersi, con il suo partito in caduta libera e con la sua uscita di scena, una posizione sui vaccini che non sia in linea con scelte politiche ispirate al principio Germania first, una parola d’ordine molto gradita agli elettori. Altro che solidarietà e altruismo: senza la Germania, l’Europa non potrà fare un passo avanti verso il traguardo “Vaccino a tutti” e continuerà a essere scavalcata dalle posizioni americane, che però non basteranno a colmare il divario con i paesi poveri.

non-sprecare-acquista

PER APPROFONDIRE: Coronavirus, la ventilazione abbassa i rischi. Contagi molto più forti in ambienti chiusi

LIBERALIZZAZIONE DEI BREVETTI DEI VACCINI

Una classe dirigente più lucida, prima di rinunciare a un approccio più condiviso nella campagna vaccinale, ne prenderebbe in considerazione alcuni aspetti che possono fare la differenza. E sono almeno tre. In primo luogo, nei paesi dove il Covid-19 sta rialzando la testa, in assenza di piani vaccinali efficaci, si stanno moltiplicando le mutazioni del virus. Sono le famose varianti. Alcune sono già arrivate in Europa e sappiamo quali guai hanno portato, altre sono pronte a sbarcare se non si riuscirà a fermare il virus dove sta rinascendo con nuove spoglie. Nuove varianti significa adattare i vaccini, e la loro produzione su larga scala. Altri soldi, anche per le società farmaceutiche, e nuovi rischi per comunità che stanno appena uscendo dal lungo tunnel della pandemia e del lockdowm.

Seconda considerazione: liberalizzare i brevetti dei vaccini non significa, in automatico, fare un danno alle aziende farmaceutiche. Anzi. Ne potrebbero sorgere altre fonti di ricavi, con ottime prospettive sui margini di guadagni. Facciamo l’esempio dell’India, primo produttore al mondo di farmaci generici: il paese avrebbe tutte le carte in regola per cogliere le opportunità legate a una temporanea liberalizzazione dei brevetti, ma a loro volta le grandi società del farmaco potrebbero trovare proprio nei vaccini anti Covid la chiave d’ingresso in questo ricco mercato.

Infine, bisognerà pure tenere presente che la corsa al vaccino è stata straordinaria per tempestività e risultati grazie anche a generosissimi finanziamenti pubblici che ci sono stati in tutti i paesi del mondo. E specie in quelli che hanno brevettato i farmaci di copertura più efficaci. Non ci sarebbe nulla di scandaloso se le multinazionali del vaccino restituissero qualcosa di questi vantaggi accettando e cavalcando la liberalizzazione dei vaccini. Sarebbe un passo importante per un mondo più sostenibile, un traguardo utile e conveniente per tutti.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato. Clicca qui!

CORONAVIRUS: TUTTO QUELLO CHE C’È DA SAPERE

  1. Come lavarsi bene le mani. Almeno 40-60 secondi e palmo contro palmo
  2. Coronavirus, perché in Italia si muore più che in altri Paesi di tutto il mondo
  3. Strage supermercati, il sacrificio delle cassiere. Rischiano il virus per noi, ogni giorno
  4. Saturimetro, l’apparecchio da avere sempre in casa in questi tempi di coronavirus
Share