Importanza della donna nella società - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Le donne in Italia guadagnano la metà degli uomini, e in Honduras le trattano meglio. Nessuno è capace di rispondere a una sola, semplice domanda: Per quale motivo? (foto)

L’obiettivo numero 5 per lo Sviluppo sostenibile scolpito dall’Onu, eliminare le disparità di genere, al ritmo attuale si realizzerà tra più di un secolo. Intanto l’Italia è uno dei paesi occidentali dove la donna, sul lavoro, è più discriminata. Peggio di Honduras e Montenegro. Un’ingiustizia e uno spreco

IMPORTANZA DELLA DONNA NELLA SOCIETÁ

Si può parlare delle donne, del loro ruolo nella società, nel lavoro, nell’istruzione, nei circoli dell’establishment, senza cadere nei luoghi comuni, o nella retorica auto-celebrativa del sesso femminile, puntualmente smentita dai fatti? Si può, e noi vogliamo provare a farlo partendo dai numeri. Quelli veri e certificati. Quelli che ci dicono che l’obiettivo 5 dell’Agenda Onu 2030 per lo Sviluppo sostenibile (Realizzare l’eguaglianza di genere) in Italia è semplicemente impossibile da realizzare. Lontanissimo dal nostro orizzonte, innanzitutto in Italia, con uno spreco enorme per il Paese, tutto il Paese, quindi anche per gli uomini.

LEGGI ANCHE: La resilienza è femmina. Una virtù delle donne che sanno reagire alle difficoltà. Al contrario del piagnisteo degli uomini

GLOBAL GENDER GAP REPORT

Vediamoli da vicino, alcuni numeri. Il Rapporto internazionale più attendibile è il Global Gender Gap Report che di fatto fotografa, punto per punto, la disparità di genere nel mondo, mettendo a confronto i dati di 149 paesi. A questo link trovate tutti i dettagli, che comprendono le diversità di salari e stipendi tra uomini e donne, come le differenze nell’accesso alla formazione, alle cure mediche, alle posizioni più alte nella scala della distribuzione del potere.

In generale, e numeri alla mano, possiamo dire che nel mondo, visto attraverso le postazioni di 149 paesi, l’eguaglianza tra uomini e donne, per esempio nei salari, avanza come una tartaruga. Nella metà di questi 149 paesi, uomini e donne guadagnano, a parità di ruoli, la stessa cifra. I progressi verso l’eguaglianza di genere, che l’Onu considera essenziale per un pianeta davvero sostenibile, ci sono, anche se molto, troppo lenti. Mentre parliamo, forse con eccessiva enfasi, di «un secolo delle donne», ovvero di un nuovo mondo nel quale le donne sono al centro del campo, e così riconosciute, secondo i calcoli del Global Gender Cap Report, serviranno almeno 108 anni, andando di questo passo, per arrivare al traguardo, fissato al 2030 dall’Onu, della parità di genere.

PER SAPERNE DI PIÙ: I numeri che ci fanno diventare rossi: il libro che racconta tutti i settori dove l’Italia è ultima, in Europa o anche nel mondo

CONDIZIONE DELLE DONNE IN ITALIA OGGI

Bisogna accelerare la marcia, e non si può pensare che siano solo e sempre le donne a farlo. Il caso dell’Italia è paradigmatico. La posizione del nostro Paese nella classifica del Global Gender Cap Report, è posto numero settanta. Metà classifica: meglio, potreste pensare, che stare in fondo come avviene per altri ambiti della vita sociale ed economica. Neanche per idea: essere al posto 70 su 149 paesi del mondo per la disparità di genere è semplicemente una vergogna, uno scandalo. Specie se considerate altri due aspetti, non proprio irrilevanti. Primo aspetto: l’Italia in questa classifica che sancisce lo spreco declinato al femminile, è messa peggio di paesi come Honduras e Montenegro, due nazioni che possono dire ad alta voce di trattare le donne meglio di noi. Di discriminarle meno dell’Italia. Secondo aspetto: nell’Europa occidentale, la nostra casa comune, in quanto a pari opportunità, tra uomini e donne, l’Italia è in fondo alla classifica e sono messi peggio soltanto tre piccoli paesi come la Grecia, Malta e Cipro. Intanto l’Europa occidentale, nel mondo, rispetto ad altri continenti e grazie innanzitutto alle nazioni del Nord Europa, e non per il contributo dell’Italia, è il luogo del globo dove le pari opportunità vengono più rispettate.

RUOLO DELLA DONNA IN ITALIA

D’altra parte, sempre restando alla legge dei numeri, che Platone nella sua Repubblica definiva «essenziali per capire e per governare, in quanto aiutano a ragionare e a dare una direzione», in Italia esiste una disparità salariale, di stipendi, di soldi guadagnati con il lavoro, davvero incredibile, a danno delle donne. A fronte di compensi che per i maschietti arrivano a 50.584 dollari l’anno, parliamo di un valore medio, le donne devono accontentarsi di 28.834 dollari l’anno. In una parola: fanno lo stesso lavoro e guadagnano la metà.

PER APPROFONDIRE: Donne, in 25mila lasciano il lavoro per un figlio. E in 5,5 milioni rinunciano alla maternità

IMPORTANZA DELLA DONNA

Potremmo andare avanti all’infinito, ricordando la percentuale di donne disoccupate (nelle regioni meridionali lavorano solo tre donne su dieci); i conti della Banca d’Italia, secondo i quali la discriminazione delle donne sul lavoro per l’Italia si traduce in uno spreco, una perdita, di ben 6 punti di pil; la vergogna di 25mila donne che in Italia, ogni anno, devono lasciare il lavoro per fare un figlio. Tutto porta in una sola direzione: le donne continuano a essere considerate, sul lavoro, un genere inferiore, molto inferiore, rispetto all’uomo.  Discriminate sul lavoro e martiri in quanto a violenza domestica: circa 2mila donne assassinate,  negli ultimi dieci anni, all’interno di un ambiente familiare dove l’uomo domina, come sul lavoro, con la sua violenza più efferata.

PER SAPERNE DI PIÙ: Per fermare la strage delle donne, un femminicidio ogni 72 ore, non servono proclami. Piuttosto, come è possibile che 85 milioni dei fondi antiviolenza siano quasi tutti bloccati?

RUOLO DELLA DONNA NELLA SOCIETÁ

L’unico settore dove le donne hanno un primato fuori discussione, in quanto a riconoscimento del proprio impegno ed a ruoli di gestione, è il volontariato. Un universo dove, fateci caso, ovunque c’è un’associazione che funziona, ovunque c’è una prova di generosità fuori dal comune, ci sono delle donne in prima linea.  Donne con tanti abiti, di mamme e di single, di benestanti e di povere, di laiche e di religiose. Viene sempre in mente, a noi di Non sprecare, l’immagine di suor Marianna durante i giorni di uno dei tanti terremoti che hanno colpito le zone del Centro Italia. Lei ha il volto macchiato di sangue, è stesa a terra con il suo umile abito di suora, circondata dalle macerie e dai cadaveri di tre suore che vivevano nel suo stesso convento, le Ancelle del Signore di Amatrice, crollato in seguito alle scosse. Ma solo un attimo dopo avere capito di essere salva, suor Marianna è già in piedi, pronta a riprendere la sua vita generosa, a combattere per aiutare gli altri, a spendersi al massimo delle sue ormai poche forze. Come fanno tante, tantissime donne, che l’Italia sembra non avere alcuna voglia di riconoscere per il loro valore.

QUELLO CHE SERVE DAVVERO ALLE DONNE:

Shares