Bambini senza infanzia: adulti troppo presto - Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Bambini senza infanzia: adulti troppo presto

Un bambino dovrebbe confrontarsi con se stesso ed essere libero di sbagliare, provare e riprovare. Ritroviamo il tempo dell'infanzia.

Condivisioni

Escono dall’asilo che sanno già leggere.  A sette anni  maneggiano Pc e I-Pad molto meglio degli adulti. Non raggiungono il metro e venti, e dormono fuori casa dall’amichetto/a come nei centri estivi dove soggiornano per settimane  senza apparentemente sentire la mancanza di mamma e papà. Praticano due sport e vanno a catechismo. A sei anni chiedono di fare il pigiama party.

Le loro giornate sono colme di impegni al chiuso e non giocano più all’aperto. Sanno navigare in internet, utilizzano le chat.Sanno acquistare su amazon e sono sempre informati su tutto.

LEGGI ANCHE: 101 giochi intelligenti e creativi da fare col tuo bambino da zero a cinque anni

Abbiamo riempito il loro tempo con impegni e attività senza pensare che i bambini dovrebbero avere il tempo di annoiarsi. Dovrebbero essere capaci di organizzarsi da soli nei giochi, senza tv o play station.Questo non accade più perchè imponiamo ai nostri figli un tempo riempito di cose produttive e mai di giornate passate senza programmare nulla.

Al primo:” Uffa, mi annoio” siamo pronti con il cellulare o il ds. Mai una volta che proponessimo un gioco o che dicessimo: “Organizzati”. Al parco urliamo:” Non correre che sudi! Non ti arrampicare che cadi” e siamo lì ad evitare ogni tipo di sconfitta, frustrazione o situazione pericolosa.BAMBINI

Un bambino dovrebbe provare la gioia della vittoria dopo aver provato l’amarezza della sconfitta, dovrebbe confrontarsi con se stesso ed essere libero di sbagliare, provare e riprovare.

Anche se sanno tutto di tecnologia e sembrano così grandi, hanno sempre le emozioni da bambini. E come tali vanno stimolati e incoraggiati attraverso un sano compromesso di tempi vuoti e tempi pieni, premi e punizioni, brutti voti e ottimi voti.

PER APPROFONDIRE: La ricetta del didò fatto in casa

 

 

 

 

 

 

LEGGI ANCHE: