Brillantante fai da te per lavastoviglie - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Brillantante fai da te per la lavastoviglie: realizzatelo con acido citrico, aceto e olio essenziale di limone

Tre soluzioni efficaci, perfette per far brillare pentole e stoviglie nel pieno rispetto dell’ambiente e senza sprecare denaro

BRILLANTANTE FAI DA TE PER LAVASTOVIGLIE 

Preparare un brillantante in casa, con ingredienti semplici e naturali, vuol dire non solo avere un’attenzione particolare per l’ambiente, ma essere anche attenti alle spese ed evitare acquisti inutili e spreconi.

LEGGI ANCHE: Le pastiglie per la lavastoviglie: così si fanno in casa. E si risparmiano molti soldi

BRILLANTANTE PER LAVASTOVIGLIE FATTO IN CASA

Vediamo insieme come si può realizzare un ottimo brillantante in grado di far splendere le nostre stoviglie, nel rispetto dell’ambiente e senza sprechi di denaro:

  • Per prima cosa procuratevi 4 semplici ingredienti: 190 ml di acqua calda, 35 gr di acido citrico, 10 ml di glicerina vegetale e 10 gocce di olio essenziale di limone o di pompelmo. A questo punto, introducete l’olio essenziale nell’acido citrico e fate sciogliere bene quest’ultimo dentro l’acqua calda. Alla fine bisogna inserire la glicerina. Otterrete un brillantante che ha la stessa efficacia di quello venduto nella grande distribuzione, con l’enorme differenza che questo “fai da te” è assolutamente naturale e non nocivo. Per adoperarlo, va versato nella vaschetta preposta e rabboccato quando sia necessario.
  • Ottimo come brillantante e come anticalcare, è quello preparato con 150 gr di acido citrico in soluzione al 15% (da comperare al supermercato) e 1 litro di acqua distillata. Qualche goccia di olio essenziale può completare il tutto. Unite dunque tutti gli ingredienti, mescolate ben per amalgamarli al meglio e poi mettete questa soluzione dento in contenitore spray oppure versatelo nella vaschetta apposita della lavastoviglie.
  • Potete anche optare per l’aceto, qualora vi serva un brillantante super efficace. L’aceto non va mai versato liberamente nella lavastoviglie perché annulla l’alcalinità del detersivo. Esso deve essere versato nella vaschetta preposta. Anche il livello del sale contribuisce ad una buona riuscita del lavaggio e rende le stoviglie più brillanti. Dunque, questo va controllato ogni 2 settimane.

I CONSIGLI GIUSTI SU COME USARE LA LAVASTOVIGLIE:

Shares

LEGGI ANCHE: