Come lavare le scarpe da ginnastica | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Come lavare e pulire le scarpe da ginnastica. Sale grosso, dentifricio, bicarbonato e aceto

Solo metodi naturali e niente detersivi per sbiancare le vostre scarpe da ginnastica. Un’altra opzione è quella di usare il succo di limone, uno smacchiatore super naturale

Le scarpe da ginnastica rappresentano uno di quei “must have” che non devono mai mancare anche se, col tempo, tendono ad ingiallirsi. Lavarle e sbiancarle, dunque, diventa una vera e propria esigenza per chi vuole indossarle sempre in maniera impeccabile e tenerle in buono stato il più a lungo possibile. Così facendo, si evitano inutili sprechi di denaro per comperare nuovi paia, solo perché magari il colore candido di quelle in nostro possesso non è più brillante come in passato. Non sempre però il detersivo si rivela efficace per questa operazione, così come non lo sono gli sbiancanti in commercio che, spesso, ingialliscono ancora di più il tessuto. Fortunatamente, si può ovviare in tanti altri modi. Se le scarpe oltre che sporche, sono anche danneggiate, esistono diversi metodi per aggiustarle da soli.

COME LAVARE LE SCARPE DA GINNASTICA

Innanzitutto, prima di procedere al lavaggio delle scarpe, dovete rimuovere i lacci che, attorcigliandosi, potrebbero non lavarsi in maniera ottimale. Lavateli a mano oppure metteteli in lavatrice, magari racchiusi in un sacchetto per evitare, appunto, che si intreccino tra loro. Poi dovete anche rimuovere le solette, che laverete a mano per evitare che si sfaldino. Le scarpe da ginnastica possono essere lavate a mano o in lavatrice. Se le lavate in lavatrice, ricordatevi di non inserire più di due paia di scarpe nel cestello e di selezionare la centrifuga al minimo dei suoi giri. Potete racchiudere le scarpe in un sacco a retina, non prima di aver eliminato dalla suola tutta la possibile terra accumulatasi al di sotto. La temperatura dovrebbe variare al massimo trai 30° e 40°. L’acqua non deve essere né troppo fredda, perché questa non elimina lo sporco, né troppo calda, perché altrimenti le scarpe si deformano. Se la vostra lavatrice prevede un programma scarpe, selezionate quello; altrimenti, puntate su di un lavaggio delicato. Utilizzate sempre i detersivi liquidi perché quelli in polvere si annidano e non si tolgono facilmente dal tessuto. Una volta lavate, le scarpe vanno messe ad asciugare all’aria aperta, magari inserendo all’interno delle stesse un po’ di carta (non stampata, altrimenti potrebbero macchiarsi di nero) per evitare che perdano la loro forma originaria. Se volete utilizzare l’asciugatrice per velocizzare il processo d’asciugatura, fatelo solo quando le scarpe sono quasi asciutte.

LEGGI ANCHE: Scarpe da ginnastica, come riciclarle. Porta piante e fiori e bracciali di corda

COME PULIRE LE SCARPE DA GINNASTICA

Vediamo quali sono i rimedi più efficaci per sbiancare a fondo le scarpe da ginnastica.

  • Il sale grosso è uno dei rimedi più utilizzati per lo sbiancamento delle scarpe da ginnastica. Il sale infatti rimuove lo sporco del tessuto e fa tornare il bianco super splendete. Basta una mezza tazza di sale grosso, del sapone o del detersivo e una spazzola. Con la spazzola si elimina lo sporco dentro e fuori la scarpa, magari estraendone la soletta, che va pulita con il sapone. Strofinate il sale grosso all’interno e all’esterno della scarpa a lasciate che agisca per circa un’ora. Poi, sciacquate con acqua fredda e con il detersivo scelto. La scarpa deve asciugare all’aria aperta ma all’ombra.
  • Con il dentifricio si pulisce la gomma bianca della suola. Prendete una quantità sufficiente di dentifricio, uno spazzolino da denti che non adoperate più e un panno umido. Inumidite lo spazzolino e aggiungete del dentifricio, poi strofinate sulla parte della scarpa che va pulita. A questo punto si forma una schiuma che elimina lo sporco. Alla fine di tale operazione, strofinate l’area con il panno umido.

  • Per rendere più efficace l’azione del sale come sbiancante, unite del latte, perché questi due ingredienti, uniti insieme, rimuovono lo sporco, i funghi ed eventuali batteri, che si annidano nelle scarpe. Vi basterà una mezza tazza di sale grosso, un litro di latte, mezzo litro di acqua e del sapone. Versate il latte e l’acqua in una bacinella e unitevi il sale; dopodiché, lasciate le scarpe in ammollo per circa 3 ore. Trascorso questo tempo, strofinatele con una spazzola e risciacquate con l’acqua ed il sapone.
  • Anche il mix di bicarbonato di sodio (lo trovate qui) e aceto bianco può essere considerato uno sbiancante assai valido. Procuratevi mezza tazza di aceto bianco, un quarto di tazza di bicarbonato e una spazzola. Mescolate il bicarbonato all’aceto e aspettate che la schiuma si riduca; dopodiché, con la spazzola strofinate il mix sulla zona da sbiancare. Lasciate che faccia effetto per mezz’ora e poi lavate le scarpe. Questo miscuglio elimina anche i batteri che causano i cattivi odori.

  • Utilizzate il sapone di Marsiglia (lo trovate qui) applicandolo direttamente sulle scarpe che avrete inumidito con acqua tiepida. Lasciate agire il sapone e poi risciacquate.
  • Le scarpe in tela si puliscono bene anche con il succo di limone, che è uno smacchiatore naturale. Tagliate il limone a metà e passatelo sulla superficie da trattare. Strofinate con uno spazzolino e risciacquate: il bianco tornerà a splendere.

  • Se le vostre scarpe oltre che sporche sono anche rotte, anziché buttarle via, provate ad aggiustarle da soli, con poca spesa e poco dispendio di tempo. Se ad esempio le suole si scollano, pulitele rimuovendo tutti i residui di colla con carta vetrata oppure acetone e poi stendete della nuova colla su tutta la superficie da riattaccare. Per far sì che la suola aderisca per bene alla parte interna della scarpa, tenetela premuta o trattenetela con delle mollette che garantiscano il fissaggio definitivo.
  • Se invece notate un buco, potreste rimediare con una toppa da incollare anche all’interno della scarpa, ovviamente facendo in modo che abbia lo stesso colore di quest’ultima. Potete anche giocare con la creatività e riparare eventuali squarci con pezzi di stoffa colorati, in mood da creare dei patchwork; oppure potete usare degli elementi decorativi di qualunque genere, da fissare poi anche sulla scarpa non danneggiata, per renderla simile all’altra.

SCARPE: I MODELLI CHE RISPETTANO L’AMBIENTE

Shares