Antonella è cieca dalla nascita, ma riesce a fare delle bellissime fotografie

Una passione nata grazie al suo cane-guida. E condivisa con il marito, anche lui cieco, e con la figlia

famiglia ciechi

ANTONELLA CAPPABIANCA

Sembra impossibile immaginare un cieco in grado di scattare delle foto, eppure Antonella Cappabianca, non vedente dalla nascita a causa di una malformazione della retina, riesce a fare degli scatti incredibili. Dotate di una prospettiva insolita, queste immagini danno la possibilità ad Antonella di dare forma alle sensazioni del momento, immortalando ciò che ha intorno. Un’abitudine che a un osservatore poco attento potrebbe sembrare una follia ma che, in realtà, rappresenta il tentativo di riappropriarsi di una forma espressiva che l’handicap della cecità le ha negato dalla nascita. E pensare che la passione per la fotografia è nata quasi per caso: “è merito del mio cane guida Celia – ha spiegato Antonella ad Antonio Giuseppe Malafarina in un intervista su BenEssere – che ha sempre amato farsi immortalare, tanto che a volte si piantava in mezzo alle foto dei turisti creando situazioni imbarazzanti. Un giorno ha visto una macchina fotografica digitale e si è messa a muovere la coda dando colpi di muso al tavolo. Per accontentarla le ho fatto qualche foto pensando che poi avrei potuto cancellarle”. E invece quelle fotografie sono piaciute tremendamente alla sorella e da quel momento non ha mai più rinunciato alla macchinetta fotografica.

LEGGI ANCHE: Ombre di luna, quando il teatro emoziona grazie ad artisti non vedenti

COME AFFRONTARE LA CECITÀ

Antonella Cappabianca vive insieme al marito Alessandro Forlani, anche lui cieco, e con il quale ha avuto una figlia di quattro anni. I due, come racconta il Magazine di Superabile Inail, si sono incontrati addirittura all’università durante i corsi della facoltà di Giurisprudenza e da allora non si sono più lasciati. Entrambi quando sono arrivati nella Capitale hanno dovuto affrontare le difficoltà di essere dei fuori sede: Antonella veniva da Latina mentre Leonardo addiritttura da Belo Horizonte, dall’altro capo dell’oceano. Complice la comune disabilità sono diventati prima amici e poi lentamente è sbocciato un profondo amore, dal quale è nata la piccola Michela, l’unica Forlani a vederci perfettamente. Eppure prima di metterla al mondo sono stati tanti i dubbi che li hanno assaliti: “Ci siamo chiesti se fosse giusto che un bambino avesse due genitori disabili e alla fine ci siamo detti che quello che potevamo dare era più di quello che potevamo togliere” hanno spiegato al Magazine di Superabile Inail. Una scelta che si è rivelata straordinaria e che oggi illumina la loro vita.

LEGGI ANCHE: Paralimpiadi: l’invenzione di Guttmann, un neurologo polacco che aiutava i portatori di handicap

COME AFFRONTARE LE DISABILITÀ

In Italia, ricorda l’Inail, sono 123 mila  i ciechi e oltre un milione gli ipovedenti. Tre su quattro non hanno un lavoro, quindi quello che hanno costruito Antonella e Alessandro è tutt’altro che scontato. E dimostra che anche questo incredibile ostacolo, che spinge tanti a un’esistenza remissiva, può essere superato. Per riuscire in una vita “normale” ovviamente hanno deciso di farsi aiutare e in questo modo hanno raggiunto una serenità e una felicità davvero invidiabili. Un’atmosfera che si proietta anche nella vita di Michela che scorre esattamente come quella degli altri bambini.

(La foto è tratta dal Magazine SuperAbile Inail)

QUANDO LE DIFFICOLTÀ DELLA VITA TI FANNO GRANDE:

  1. Andrea Stella, lo skipper in sedia a rotelle che sta attraversando l’oceano (foto)
  2. Viaggiare il mondo sulle spalle degli amici, la bella storia di Kavan Chandler
  3. Lee Duck-Hee, il tennista sordo che è più forte di chi ci sente
  4. La storia di Jia Haixia e Jia Wenqi, due amici disabili, e della loro lotta per la salvaguardia del pianeta
KuBet
KUBet - Trò chơi đánh bài đỉnh cao trên hệ điều hành Android
Torna in alto