Leggiamo un libro insieme - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

“Leggiamo un libro insieme”, un’iniziativa di successo per i bambini con disabilità

La Fondazione Don Gnocchi, insieme a Biblioteche di Roma, ha realizzato un progetto per avvicinare alla lettura ad alta voce i genitori di questi ragazzi con risultati sorprendenti. I bambini vedono ampliato il loro vocabolario e riescono a istaurare nei momenti critici una relazione positiva con mamma e papà

Condivisioni

LEGGIAMO UN LIBRO INSIEME –

La lettura rappresenta uno stimolo prezioso per la crescita di un bambino sin dai primi mesi di vita. E vale per tutti i ragazzi, anche quelli con disabilità. Tanti genitori sono scettici su questa pratica, soprattutto quando sono molto piccoli, eppure diversi studi scientifici cominciano a dire che, per lo sviluppo linguaggio, è fondamentale per il bambino essere esposto alla lettura ad alta voce. Inoltre, questo processo ha un forte significato affettivo. La Fondazione Don Gnocchi, insieme a Biblioteche di Roma, ha realizzato un progetto per avvicinare alla lettura ad alta voce i genitori di bambini con disabilità e disordini dello sviluppo. I risultati di questa sperimentazione sono stati sorprendenti dimostrando che questa pratica, uno dei riti quotidiani più belli per un genitore di un bimbo piccolo, permette ai genitori di relazionarsi con i propri figli nei momenti critici riuscendo anche a far ampliare il vocabolario dei bambini.

LEGGI ANCHE: La storia di Rita, una donna che voleva cambiare Roma. Ed è tornata a occuparsi di anziani e senzatetto

INIZIATIVE PER BAMBINI CON DISABILITÀ –

I due anni di sperimentazione, realizzata presso il reparto di neuropsichiatria infantile del Centro S. Maria della Pace di Roma, hanno dimostrato che anche tra i bambini con un disturbo dello sviluppo consistente, l’esposizione alla lettura migliora le capacità linguistiche. All’interno del reparto vengono accolti 200 ragazzi in età prescolare e la terapia è stata pensata per creare le condizioni per aiutare i genitori a fare questa esperienza insieme ai loro figli. Mamme e papà, infatti, hanno letto ad alta voce ai bambini un sabato mattina al mese in gruppetti divisi per fascia d’età. Prima di cominciare queste sessioni hanno fatto un piccolo corso e sono stati sollecitati da persone esperte nella lettura ad alta voce del personale di Biblioteche di Roma.

INIZIATIVE PER BAMBINI CON DISORDINI DELLO SVILUPPO –

Grazie a questa esperienza tanti genitori hanno individuato le modalità migliori per leggere un libro ai loro figli riuscendo ad usare molto di più la lettura alla sera quando i più piccoli si mettono a letto. L’obiettivo del progetto è coinvolgere sempre più bambini perché anche in situazioni non semplici questo accoccolarsi vicini e leggere a voce alta una storia è uno rito che fa bene sia al genitore che al bambino piccolo.

PER APPROFONDIRE: Il vademecum dell’amicizia: consigli di comunicazione per i compagni dei bimbi autistici