Come comunicare con bambini autistici - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Bambini autistici, una mamma spiega ai compagni di scuola come parlare a suo figlio

Il dialogo e il linguaggio sono fondamentali per creare una relazione. Il vademecum dell’amicizia, con tutti i consigli giusti per stare insieme. E rompere il muro del silenzio

di Posted on

COME COMUNICARE CON BAMBINI AUTISTICI

Le parole giuste con il tono giusto. Il linguaggio da usare con i bambini con la sindrome di down è uno degli aspetti più delicati che le famiglie, e anche gli amici e gli insegnanti a scuola, devono affrontare nel momento in cui si relazionano con loro. E cercano di alimentare una comunicazione, sotto qualsiasi forma.

In questo caso, la prima cosa da fare è educare a una corretta definizione. Non un bambino down, ma un bambino con la sindrome di down; non un bambino autistico, ma con l’autismo. La differenza non solo lessicale, ma sostanziale. Con il giusto uso del vocabolario, si definisce una malattia e non l’identità di una persona. E ciò alleggerisce, non di poco, il rapporto con loro e l’empatia attraverso la quale si possono rompere i muri della separatezza.

LEGGI ANCHE: Parchi gioco inclusivi, giocare è un diritto di tutti i bambini

COME INTERAGIRE CON UN BAMBINO AUTISTICO

In generale il primo scoglio da superare rispetto all’autismo è proprio quello della comunicazione. Comunicare, per esempio, con un bambino affetto da autismo potrebbe rivelarsi difficoltoso: molto spesso i piccoli colpiti da tale patologia non ti guardano e non ti parlano. Sembra quasi che non ti ascoltino. In realtà non è così e chi li frequenta sa quanto siano sensibili.

BAMBINI AUTISTICI

L’idea di un vademecum dell’amicizia è venuta alla mamma di Matteo, bambino affetto da autismo, per aiutare i compagni di classe a relazionarsi con il figlio.

I bambini autistici e l'integrazione scolastica

COS’È L’AUTISMO

L’autismo è una malattia di cui si conosce ancora poco. Non si può prevedere con test genetici come altre forme di disabilità e, spesso, ci si accorge che qualcosa nel proprio bimbo non funziona nella maniera normale solo quando comincia a frequentare il nido o la scuola dell’infanzia. Ma i bimbi autistici, proprio come quelli normodotati, hanno il loro modo di comunicare anche se evitano gli sguardi, il contatto e spesso anche la lingua parlata.

PER APPROFONDIRE: PizzAut, la pizzeria gestita da ragazzi autistici. Niente fretta, e alta qualità

INTEGRAZIONE SCOLASTICA BAMBINI AUTISTICI

Ecco il vademecum dell’amicizia stilato dalla mamma di Matteo per aiutare i suoi compagni di classe a relazionarsi con lui:

  1. Sono solo perché il mio autismo mi impedisce di comunicare ma vorrei tanto parlare e giocare con te.
  2. Salutami quando ci incontriamo. Forse non riuscirò a risponderti ma sarò felice lo stesso.
  3. Posso ascoltare le tue parole ma non le capisco fino a che non le ho imparate a memoria una ad una. Inoltre sento i suoni e i rumori in maniera molto amplificata, assordanti come un trapano.
  4. Se parli velocemente e utilizzi frasi lunghe non riesco a capire che cosa vuoi dire. Le parole mi sembrano unite le une alle altre come un lungo treno. Se non capisco quello che mi dici spiegamelo lentamente, con gesti e mimica. Oppure con l’aiuto di figure.
  5. Non offenderti se mentre mi parli non ti guardo. Sembra che io non ti ascolti ma, in realtà, sono attentissimo a ciò che dici.
  6. Non posso guardarti negli occhi. Se mi fai una domanda, anche se so la risposta, non riesco a dirtela.
  7. La luce mi da fastidio per questo amo gli occhiali scuri. Alcuni ragazzi come me non riescono ad attraversare un prato perché è troppo verde. Alcuni colori mi terrorizzano.
  8. Il mio olfatto è molto sviluppato: annuso tutto, anche quello che mangioLa mia pelle non sopporta i vestiti. Le cuciture mi fanno impazzire. Anche essere toccato mi provoca quasi un dolore. Non sopporto nemmeno il vento sulla pelle.
  9. Quando si lavora in gruppo dammi ordini semplici e fammi vedere come si fa.
  10. Se giochiamo insieme passami la palla. All’inizio sarò una frana ma giocare mi rende felice.

COME SUPERARE GLI OSTACOLI DELLA DISABILITÀ:

Shares

LEGGI ANCHE: