Questo sito contribuisce all'audience di

Gli italiani e la lettura: la nostra classe dirigente non tocca un libro

Politici, imprenditori e professionisti: il 40 per cento di loro non ha mai acquistato un libro. Questo dato spiega la fragilità, l’ignoranza e l’incompetenza della nostra classe dirigente. In Europa il livello di lettura è il doppio dell’Italia.

Condivisioni

STATISTICHE LETTORI IN ITALIA –

Si parla tanto della fragilità e dell’inconsistenza della nostra classe dirigente, a tutti i livelli, e ci si interroga sulle ragioni. Ne suggeriamo una importante e trascurata che arriva dal campanello d’allarme lanciato dall’Associazione italiana editori durante la Fiera di Francoforte: l’establishment italiano, chi ha in mano le redini del Paese, non legge, non tocca un libro.

LEGGI ANCHE: Biblioteca sociale, un’iniziativa per salvare i libri dal macero e incentivare la lettura

DATI SULLA LETTURA IN ITALIA –

Il dato è molto sconfortante, e riguarda politici, imprenditori, professionisti, amministratori pubblici. Secondo l’Aie quasi il 40 per cento di loro non legge neanche un libro durante l’anno. Sono e restano ignoranti. Cosa che poi si vede nel corso della loro azione, e l’unica vera fonte che continuano ad alimentare, in termini di conoscenza, è la televisione abbinata al web. E si vede dando uno sguardo attento alle loro case, dove spesso mancano proprio le librerie.

LEGGI ANCHE: Lettura ad alta voce ai bimbi piccoli, l’esperienza di Nati per leggere

DATI LETTORI LIBRI ITALIA –

Siamo un Paese di non lettori, i nostri livelli sono in generale la metà della media europea, e il 60 per  cento degli italiani non ha mai comprato un libro, neanche nel corso del 2014. Intanto il mercato continua a perdere quote, con un calo, rispetto all’anno precedente, del 4,6 per cento e con l’unica luce che arriva dall’editoria per ragazzi (+ 5,9 per cento). Complessivamente su una popolazione di circa 60 milioni di persone, il bacino dei lettori si è ristretto a 848mila uomini e donne. Domandiamoci: quale futuro ha un Paese dove nessuno legge? E dove gli ultimi acquirenti di libri sono ormai come i panda?

PER APPROFONDIRE: Pertegada, il paese dei libri dove tutti sono invitati a leggere