Benefici Gyrokinesis - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Gyrokinesis, la nuova ginnastica che allunga i muscoli e migliora il respiro

Le tre fasi di esercizi che durano in tutto 60 minuti. La ginnastica è a corpo libero e comprende molti elementi dello yoga e della danza. È dolce e piena di ritmo, capace di mettere a posto la colonna vertebrale.

di Posted on
Condivisioni

BENEFICI GYROKINESIS –

Amate la danza e siete profondamente affascinati dallo yoga? Allora dovete provare la Gyrokinesis, una nuova ginnastica che sta prendendo sempre più piede nelle nostre palestre e che fonde queste due disciplineSvolgendo questi esercizi, infatti, utilizzerete molti elementi dello yoga e della danza, grazie ai quali il corpo recupererà il suo spazio e l’energia dispersa. Una ginnastica a corpo libero, dolce e piena di ritmo, che si sviluppa in tre dimensioni, seguendo le naturali direzioni della colonna vertebrale. Grazie a questi esercizi, la cui classe dura circa 60 minuti, allungherete e tonificherete la muscolatura, migliorerete la postura e innanzitutto imparerete a respirare in modo corretto.

LEGGI ANCHE: Come fare stretching in maniera corretta

GYROKINESIS ESERCIZI –

Questa disciplina è stata inventata negli anni ottanta da un ballerino ungherese trasferitosi negli Stati Uniti, Juliu Horvath. Oggi ha conquistato Hollywood e sono sempre di più le palestre italiane in cui potrete allenarvi con questa nuova ginnastica. I benefici della Gyrokinesis sono davvero molteplici. Per prima cosa, non utilizzando pesi, esercita la muscolatura e le articolazioni mantenendole elastiche e mobili attraverso l’uso delle proprie forze e controforze. Per questa ragione è un ottimo esercizio contro l’inevitabile cedimento fisiologico.

LE FASI DELLA GYROKINESIS –

Ma vediamo le tre dimensioni e le tre fasi della Gyrokinesis:

  • Prima fase. Si comincia con un automassaggio e una semplice respirazione che risveglia il corpo. Si concentra poi l’attenzione sulla zona pelvica e la colonna vertebrale. Seduti su degli sgabelli bassi, si mobilizza la schiena attraverso inarcamento, flessione, torsione e movimento a spirale.
  • Seconda fase. Si liberano le anche e il ginocchio, coinvolgendo i tendini corrispondenti e i quadricipiti in ogni direzione possibile. La respirazione stimola il sistema nervoso, si aprono i canali energetici e il sangue viene ossigenato.
  • Terza fase. La lezione passa sul pavimento con esercizi che espandono la colonna, incorporando anche mani e piedi. Poi si conclude con una sequenza in piedi eseguita in modo ritmico e una calmante per preparare il corpo e la mente a reintegrarsi con il mondo esterno ogni giorno.

PER APPROFONDIRE: Sci di fondo, 10 benefici senza il rischio di infortunarsi

LEGGI ANCHE: