Questo sito contribuisce all'audience di

L’armonia, una chiave decisiva per raggiungere la felicità. Stare bene con se stessi e con gli altri, ecco il benessere interiore

Le classifiche mondiali sui paesi dove gli abitanti sono più felici non cambiano. Ai primi posti i paesi del Nord Europa, agli ultimi le nazioni dell’Africa. L’Italia è al posto numero 47 in classifica. Ma la novità è il significato della felicità

Condivisioni

ARMONIA CHIAVE DELLA FELICITÀ

Le statistiche sulla felicità non dicono quasi mai nulla di nuovo. Per esempio, confermano ogni anno una sorta di classifica dei paesi dove il livello di soddisfazione, e dunque di felicità dei cittadini, è più alto. Ai primi posti ci sono sempre loro, le nazioni del Nord Europa, con un welfare molto solido, una buona assistenza sanitaria, ottimi servizi e istruzione molto competitiva; in fondo alla classifica, e anche qui niente di nuovo sotto il sole, i paesi dell’Africa subsahariana, piegati dalla povertà, dalle guerre tribali e da condizioni di vita perlomeno precarie. L’Italia, in questa classifica è solo al 47esimo posto, e si sentono più felici di noi cittadini di paesi che consideriamo arretrati, come il Nicaragua, El Salvador e la Malaysia.

LEGGI ANCHE: Elogio di una pigrizia da coltivare. Una difesa dalla frenesia inutile della vita. Una saggia pacatezza che profuma di felicità

FELICITÀ ATTRAVERSO L’ARMONIA

Ma se dalle classifiche non emergono novità, un cambiamento molto importate appare dagli studi scientifici che si susseguono alla ricerca di una risposta unica e convincente alla seguente domanda: Che cosa è la felicità? Joachim Retzbach, in proposito, mette in fila quattro elementi che portano a un’esistenza felice: pensare che ciò che facciamo non sia irrilevante, sentire di avere un posto nel mondo, conoscere i nostri obiettivi e perseguirli con coerenza.

Sembrano cose semplici, e in realtà diventano molto complesse quando dalla teoria dobbiamo passar alla pratica. In comune hanno però una traccia che non va sottovalutata: la felicità non dipende più e soltanto da fattori esterni, come la disponibilità finanziaria e in generale le condizioni socio-economiche di un paese, ma innanzitutto da una componente interna. La nostra interiorità.

ARMONIA E BENESSERE

Ecco perché circa un terzo degli intervistati , su un campione di migliaia di adulti di 12 paesi in cinque componenti, ha definito la felicità come armonia. Ovvero un benessere interiore che può perfino prescindere dal benessere economico. Un sentirsi bene, in armonia appunto, con se stessi e con gli altri: ecco una percezione fondamentale che porta al miracolo della felicità (che secondo il 2 per cento degli intervistati semplicemente non esiste).

Il benessere interiore, l’armonia, è un pilastro di tutte le religioni e filosofia orientali, che non a caso in questo periodo vanno molto di moda.  Ma non è vero che la civiltà occidentale sia estranea alla cultura e alla ricerca dell’armonia. Nella tradizione greca, per esempio, il concetto epicureo di atarassia, che poi entra nella cultura occidentale, si riferisce proprio a un certo distacco dalla materialità delle cose, dalle passioni compulsive. Una capacità di mantenere equilibrio e serenità anche in situazioni difficili. Così la filosofia stoica e l’armonia descritta da Pitagora. E così la cultura cristiana, che indica proprio nella pace interiore la prima conquista dell’uomo verso l’amore di Dio e del prossimo. Dunque, non sentiamo complessi inutili, e se anche noi consideriamo l’armonia interiore un grimaldello che porta alla felicità, cerchiamo di usarlo con la massima frequenza e con tutta l’energia del nostro corpo e della nostra mente.  

PARADIGMI PREZIOSI PER VIVERE SERENI