Aria condizionata fa male o fa bene? | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Aria condizionata fa male o fa bene?

Quando le temperature superano un certo livello, può diventare indispensabile. Specie per gli anziani e per i bambini con alcune patologie. L'importante è non esagerare

ARIA CONDIZIONATA FA MALE

L’estate è arrivata, le temperature aumentano e l’aria condizionata diventa spesso un’amica fedele che ci salva dalle ore più calde della giornata. Ma siamo sicuri che l’uso del condizionatore sia proprio un toccasana? Mal di testa, dolori alle ossa, fastidio alla gola sono solo alcune delle controindicazioni legate all’esposizione eccessiva all’aria refrigerata artificialmente. Diamo la parola agli esperti, per saperne di più.

LEGGI ANCHE: Come difendersi dal caldo estivo, le regole d’oro

Per gli anziani – leggiamo su Focus.it – l’aria condizionata può salvare la vita. Nelle comunità con più condizionatori, tra gli ultra 65enni si registra il 17 per cento di ricoveri in meno per patologie cardiovascolari e respiratorie rispetto alle comunità con meno condizionatori. In una casa di riposo in Florida in 4 giorni di rottura dell’impianto di condizionamento la temperatura è salita a 31 °C: 21 pazienti su 89 hanno avuto un episodio di iperpiressia con febbre da calore oltre 38 °C e 5 ne sono deceduti.

ARIA CONDIZIONATA FA MALE ALLA SALUTE

Al lavoro grazie all’aria condizionata si evitano cali di produttività, leggiamo ancora su Focus.it. La temperatura ideale è 20 °C, hanno dimostrato i ricercatori della National University of Singapore. A 24 °C la produttività scende del 15 per cento e gli errori aumentano del 25 per cento. Il getto diretto delle bocchette dell’aria condizionata, però, può causare tracheiti, bronchiti, torcicollo, otiti, mal di testa e di schiena. Inoltre c’è il rischio di polmoniti da batteri che crescono nei filtri degli apparecchi vecchi. L’eccessiva deumidificazione dell’aria può associarsi a disagi oculari, pruriti e arrossamenti soprattutto per chi fissa a lungo lo schermo del pc o indossa lenti a contatto morbide che tendono a seccarsi. In estate triplicano i raffreddori da ufficio: per evitarli fra la temperatura ambientale e quella esterna non devono esserci più di 7 °C.

PER SAPERNE DI PIU’: Dieci modi per combattere il caldo in modo naturale

RISCHI PER LA SALUTE, COME EVITARLI

Ossa, muscoli e articolazioni sono a rischio soprattutto quando si abusa con gli sbalzi di temperatura e con l’esposizione a getti d’aria troppo diretti. Potrebbero insorgere:

  • mal di gola;
  • tosse;
  • nei casi più seri, bronchite, ma anche torcicollo, mal di testa e mal di schiena.

Ecco come scongiurare questi rischi:

  • è importante utilizzare il condizionatore evitando di lasciarlo acceso ininterrottamente, ma riservandone l’utilizzo nelle ore più calde. Accendetelo per qualche ora, per esempio nella tarda mattinata e nel tardo pomeriggio, in prossimità dei pasti, per rinfrescare gli ambienti senza esagerare;
  • usatelo con moderazione: basterà regolare l’impianto mantenendo circa 4-5 gradi di scarto rispetto alla temperatura esterna.

LEGGI ANCHE: Come usare il condizionatore, senza sprechi

ARIA CONDIZIONATA FA MALE AI BAMBINI

Quest’affermazione non è del tutto vera: l’aria condizionata è consigliata dai pediatri ai bambini piccoli che hanno difficoltà di termoregolazione. Su tantasalute.it si parla di via libera all’aria condizionata anche per i più piccoli, con le dovute cautele che vi abbiamo esposto in precedenza, sia in auto sia in casa.

ARIA CONDIZIONATA: PIÙ DANNI O BENEFICI?

Tirando le somme, possiamo concludere che l’aria condizionata, anche in funzione dell’emergenza climatica che ha portato a un’esplosione estiva delle temperature, diventa essenziale in alcuni casi. Non se ne può fare a meno, e i benefici per la salute sono evidenti. Tutti i danni ( dalle bronchiti ai raffreddori, dalle laringiti ai dolori muscolari) nascono invece dall’uso sbagliato, dallo spreco, dell’aria condizionata. E qui basta ricorrere al buonsenso e ricordarsi di un dato: la temperatura interna, con l’uso del condizionatore, non deve essere più bassa di 5-6 gradi rispetto a quella esterna. Inoltre la condizionata va usata a termine, e non h24, mai di notte ( a meno che l’impianto sia fornito di una funzione specifica) e con le bocchette dell’aria che non puntano direttamente sulle persone. Con queste semplici accortezze dell’aria condizionata vi godrete i benefici e non ne subirete i danni.

PER APPROFONDIRE: Come mantenere la casa fresca in estate senza ricorrere all’aria condizionata

Share

LEGGI ANCHE:

<