Questo sito contribuisce all'audience di

In Toscana l’agriturismo biologico in cui si recupera l’acqua piovana e l’energia proviene da fonti rinnovabili

Tutte le luci sono a led per favorire il risparmio energetico, per il riscaldamento e l’acqua calda si fa invece ricorso ai pannelli solari, a un termocamino e ad una caldaia a condensazione. L’acqua piovana viene riutilizzata per l’irrigazione dei campi e, durante l’estate, tutti i clienti possono usufruire di una bio piscina a forma di laghetto naturale.

di Posted on
Condivisioni

AGRITURISMO BIOLOGICO TOSCANA –

Sono tanti i materiali, spesso considerati rifiuti, che possono essere riutilizzati per arredare la casa o il giardino, oggetti solo apparentemente inutili, come quelli recuperati durante le operazioni dei sentieri e dei boschi della Maremma Toscana che, nell’Agriturismo biologico Sant’Egle, grazie al riciclo creativo, trovano una nuova vita e si trasformano in opere d’arte e complementi d’arredo.

AGRITURISO BIOLOGICO SANT’EGLE IN TOSCANA –

Immerso nello splendido scenario della via di Case Sparse Sant’Egle 18 nel comune di Sorano in provincia di Grosseto, vicino ai meravigliosi borghi medievali di Sovana e Pitigliano, a due passi dalle terme di Sorano, l’Agriturismo biologico Sant’Egle sorge in quella che, nel 1600, era una dogana dove coloro che varcavano il confine fra lo Stato Pontificio e il Granducato di Toscana, sostavano in cerca di ristoro.

agriturismo-biologico-toscana-sant-egle (3)

LEGGI ANCHE: Riqualificazione del patrimonio edilizio, il progetto per il recupero delle case cantoniere

COLTIVAZIONI BIOLOGICHE –

Un luogo affascinante, restaurato nel pieno rispetto della sua storia antica, una struttura ecocompatibile, ad impatto zero e preservatrice di biodiversità. All’interno dell’agriturismo trova spazio la coltivazione di spirulina, zafferano, stevia, e frutta e verdura: tutto avviene seguendo il metodo biologico sinergico e biodinamico. E vi è anche un tartufaia di 1 ettaro di Tuber Brumale.

Tutti gli alimenti serviti ai clienti durante i vari pasti presso l’agriturismo sono realizzati con prodotti aziendali bio o provengono da aziende biologiche della zona.

RISPARMIO ENERGETICO –

Una struttura ad alta efficienza energetica in cui il 100 per cento dell’energia usata viene prodotta da fonti rinnovabili. Tutte le luci sono a led per favorire il risparmio energetico e l’illuminazione notturna del casale è orientata verso il basso per non essere causa di inquinamento luminoso. Per il riscaldamento e l’acqua calda si fa invece ricorso ai pannelli solari, a un termocamino e ad una caldaia a condensazione.

RECUPERO ACQUA PIOVANA –

L’agriturismo prevede inoltre sistemi per il recupero dell’acqua piovana, riutilizzata per l’irrigazione dei campi.

BIO PISCINA AGRITURISMO SANT’EGLE IN TOSCANA –

E durante la stagione estiva, tutti i clienti possono usufruire di una bio piscina a forma di laghetto naturale, con acqua salata, realizzata con materiali naturali, senza cemento. La purificazione delle acque avviene mediante un filtro ad elettrolisi che trasforma il sale integrale dell’Oasi WWF di Trapani in cloro naturale che impedisce la formazione delle alghe e disinfetta l’acqua. Per non rovinare il naturale ciclo depurativo della piscina, si invitano gli ospiti a non usare protettivi solari con parabeni, sostanze di origine petrolifera o chimica ma solo solari naturali. Durante gli altri mesi dell’anno è invece possibile fare il bagno in una vasca per due riscaldata a legna.

agriturismo-biologico-toscana-sant-egle (2)

LAGHETTI, MANGIATOIE E NIDI NATURALI –

E ancora: in tutta l’azienda agricola ci sono mangiatoie, nidi naturali ed artificiali, per aiutare nei momenti di difficoltà invernale i piccoli uccelli e durante l’estate gli uccelli migratori. Rimanendo comodamente seduti in piscina è facile fare birdwatching.

Il laghetto pieno di piante acquatiche è invece la casa di molte libellule, insetti acquatici, rane e rettili che forniscono il loro contributo per il mantenimento del corretto equilibrio della catena alimentare, dell’impollinazione e della conservazione della biodiversità mentre un’area fiorita è la casa di molte specie di farfalle.

Il WWF ha premiato il casale in quanto miglior agriturismo in Italia per sostenibilità e conservazione di biodiversità.

Il progetto è in concorso per l’edizione 2016 del Premio Non Sprecare. Per conoscere il bando e partecipare vai qui!

Se il progetto ti è piaciuto condividilo su Facebook, Twitter e G+!

PER APPROFONDIRE: In Olanda, a Tilburg, la casa arredata quasi interamente in legno da Piet Hein Eek (Foto)