Questo sito contribuisce alla audience di

Orti urbani in Italia, la rivoluzione verde nelle città: i più belli (foto)

Una scelta urbanistica che vincola un suolo altrimenti destinato a cadere, prima o poi, nelle grinfie della speculazione edilizia, ma non solo. L'orto urbano è anche un mezzo per permettere la partecipazione dei cittadini alla vita pubblica e una risposta alla Grande Crisi

Orti urbani in Italia, la rivoluzione verde nelle città: i più belli (foto)
Boom degli orti urbani in Italia: triplicati in due anni
di
Condivisioni

ORTI URBANI in italia: cosa sono –

Un fenomeno di costume, ma non solo: una vera tendenza, che se dovesse consolidarsi agli attuali ritmi di crescita, potrebbe molto presto modificare una parte del paesaggio e degli stili di vita delle nostre città, medie, piccole e grandi. Stiamo parlando degli orti urbani, l’altra faccia degli italiani “popolo con il pollice verde” (21 milioni di cittadini coltivano un pezzo di terra), e paradigma di una nuova urbanistica e di una nuova attenzione a un territorio che spesso abbiamo devastato e adesso dobbiamo, per per pezzo, provare a recuperare. Il boom degli orti urbani, triplicati nel giro di pochi anni, è un ottimo indicatore anche di un altro cambiamento nei nostri stili di vita: i cittadini avanzano, e si fanno carico di proteggere, custodire e valorizzare, anche con una piccola e buona coltivazione locale, spazi di verde nel loro territorio. Proteggendoli così, per esempio, dagli occhi sempre puntati addosso della speculazione edilizia.

Ma che cosa sono davvero gli orti urbani in crescita così esponenziale, anche grazie a contributi e donazioni di privati, cittadini e aziende? Come si prende in carico, da singoli cittadini magari uniti in un’associazione, uno spazio agricolo in città? E ancora: quali vantaggi arrivano, per tutti, dagli orti urbani? A partire da quelli che vi presentiamo qui come i più belli d’Italia.

orti-urbani-2

 

ORTI URBANI in italia: QUANTO, COME, DOVE, PERCHÉ –

Secondo l’ultima indagine Istat, siamo passati da 1,1 milioni di metri quadrati a 3,3 milioni di metri quadrati di spazi verdi. Luoghi destinati alla semina di frutta e ortaggi, assegnati in comodato a gruppi di cittadini. Perfino a Roma dove il degrado urgano è alle stelle,  sono raddoppiati.

Promuovere la proliferazione degli orti urbani nelle città italiane è anzitutto una scelta urbanistica, che vincola un suolo altrimenti destinato a cadere, prima o poi, nelle sporche dinamiche della speculazione edilizia. Sono, infatti, strumenti per avvicinare la cittadinanza all’amministrazione, contribuendo la crescita delle relazioni sociali delle comunità urbane, dal centro alla periferia. Basta presentare domanda in comune per l’assegnazione dei lotti adibiti a orto urbano, aspettare il proprio turno nella lista d’attesa e preparare il proprio pollice verde.

Altro motivo, fondamentale, per scegliere di dedicarsi attivamente al verde urbano è di natura squisitamente economica. È innegabile, infatti, che l’orto urbano sia anche una risposta alle crisi economiche, uno spazio da cui partire verso strade nuove per iniziative economiche e commerciali. Un volano sia per le – troppo spesso faticose – economie domestiche che per i bilanci dei comuni delle nostre città.

 LEGGI ANCHE: Orti urbani nel mondo, ecco i più belli. A Berlino le verdure si coltivano in aeroporto

orti-urbani-4

ORTI URBANI in italia: I PIÙ BELLI  –

Abbia selezionato alcuni orti urbani in Italia, che consideriamo i più belli, per posizione, storia e caratteristiche. Vediamoli:

  • Torino

Nel quartiere Nizza Millefonti, a Torino è nato Or-TO: il primo Orto Urbano del capoluogo piemontese, uno spazio di socialità aperto a tutta la comunità locale. L’orto sarà presente nel piazzale di via Nizza per 4 mesi, durante i quali verrà gestito in collaborazione con le associazioni di quartiere e di via, le scuole, i commercianti e tutti coloro che vorranno partecipare alla co-produzione di prodotti freschi “a metro zero”.

Credits: Spazio Torino

Credits: Spazio Torino

  • Milano

In via Chiodi nel quartiere Barona, dove prima c’era un terreno non edificabile rimasto inutilizzato per anni, oggi ci sono tanti orti privati urbani. L’idea è stata di Claudio Cristofani che, dieci anni fa, ha deciso di investire in un settore ancora in gestazione. All’inizio vi erano solo 10 appezzamenti, oggi dopo dieci anni sono circa 180: tante le famiglie in lista d’attesa, ad aspettare che si liberi un posto, per il costo di 1 euro al giorno per famiglia.

Credits: Angoli di Terra

Credits: Angoli di Terra

  • Bologna

È la città con più orti urbani dello stivale e ospita anche il il più grande orto urbano d’Italia, con una superficie coltivata di 47 ettari di terreno comunale, pari a 52 volte piazza Maggiore, nella zona di Borgo Panigale. Qui lavora a pieno ritmo la cooperativa Arvaia («pisello» in dialetto emiliano), dove i soci sono passati da 7 persone a 270 in pochi anni. Le coltivazioni di Arvaia forniscono frutta e verdura, in gran parte biologiche, a 150 famiglie, e occupano decine di giovani. Sono insomma un pezzo della nuova economia urbana di Bologna.

orti-urbani-bologna

  • Firenze

Una delle iniziative più lodevoli in tema di orti urbani è partita da Firenze, dove l’architetto Giacomo Salizzoni, con la regia dell’amministrazione comunale e della Coldiretti, ha firmato un bellissimo Community Garden, nel pieno centro della città, nella zona di Borgo Pitti.

Credits: Curiosità di Firenze

Credits: Curiosità di Firenze

  • Roma

Campagna Amica ha realizzato un orto urbano a Roma nel piazzale del centro d’accoglienza, tra la via Salaria e la ferrovia. Un’area piuttosto degradata, periferia nord della capitale, che il centro Astalli ha preso in comodato per ospitare giovani migranti. Gli ospiti del centro, assieme ai loro educatori e al personal trainer dell’orto di Campagna Amic,a hanno allestito sei kit del contadino Giò. I giovani sono ormai provetti agricoltori e coltivano insalatepomodoripeperonizucchinemelanzane e un bel giardino delle aromatiche.

Campagna Amica

Campagna Amica

  • Napoli

Dopo i siti dello Scudillo e di Via San Domenico, è stato inaugurato anche il terzo orto urbano. Si trova nell’area Arin di Chiaiano, al di sopra di un serbatoio di accumulo delle acque del Serino di 30 milioni di litri: su circa 23 ettari sono stati piantumati olivi, rosmarini, mirto, siepi di lauro e ciliegi.

Credits: Grande Napoli

Credits: Grande Napoli

 

SCOPRI GLI ORTI URBANI NEL MONDO: 

Ron Finley, il giardiniere che trasforma i terreni incolti di Los Angeles in orti urbani

Orti in città, così Detroit è diventata la capitale delle fattorie urbane (Foto)

Orti al Polo Nord, così tra i ghiacciai si coltivano patate

Orti urbani e fattorie in città: Vancouver è la capitale mondiale

Londra sempre più green: gli orti urbani sono diventati 350mila

Orti urbani in Grecia: si stanno moltiplicando contro la Grande Crisi

Orti urbani a Manhattan: 1 milione di dollari di sussidi

LEGGI ANCHE:

Ultime Notizie: