Zerobarracento moda sostenibile
Questo sito contribuisce all'audience di

Zerobarracento, la linea di moda senza scarti, senza accessori inutili e senza sprechi

Camilla Carrara, classe 1991, ha una laurea al Politecnico di Milano e un master all’università di Berlino. Tutta la produzione è made in Italy

Classe 1991, Camilla Carrara ha fatto un lungo percorso di studi e di formazione nella terra di confine tra la moda e la sostenibilità. Prima la laurea in fashion Design al Politecnico di Milano, poi un master in Sostenibilità della Moda all’Esmond di Berlino. Da qui le prime esperienza professionali: con il gruppo Ferragamo, presso la Fondazione Clima e Sostenibilità e il lanificio Zignone.

ZEROBARRACENTO MODA SOSTENIBILE

E adesso la scommessa in proprio. Con un marchio ispirato alla filosofia del Non sprecare: Zerobarracento. Zero sprechi. Zero eccessi. Zero genere. E cento sostenibilità. I capospalla firmati da Camilla Carrara sono realizzati eliminando gli scarti già in fase di progettazione e in sala taglio, quando in genere si spreca circa il 15 per cento della materia prima.

LEGGI ANCHE: Womsh, la moda bella e sostenibile arriva dal Veneto. Con scarpe vegan e eco-friendly

SOSTENIBILITÀ MODA

In termini di fattura, i capispalla Zerobarracento non hanno bottoni, cerniere e ganci: solo poche cuciture. Eleganti ed essenziali. Tutta la materia prima, così come la produzione, è concentrata in Italia e il progetto Zerobarracento ha un traguardo preciso: zero rifiuti.  

I PROGETTI IN CONCORSO PER IL PREMIO NON SPRECARE 2020:

 
Shares