Wood Hut: Il quartiere smartworking che nasce con gli scarti del riso

Tre studentesse di Sant'Alessio con Vialone, nel pavese, hanno dato vita a Wood Hut, il primo quartiere smartworking a impatto zero costruito utilizzando gli scarti del riso.

WOOD HUT QUARTIERE SMARTWORKING CON SCARTI DI RISO

Sant’Alessio con Vialone, una piccola località nel cuore del pavese, è diventata la culla di un progetto antispreco molto interessante: Wood Hut, il primo quartiere smartworking a impatto zero costruito utilizzando gli scarti del riso. Questa iniziativa pionieristica è stata ideata e realizzata da tre brillanti studentesse dell’università di Pavia: Sabrina Baidane, Laura Molignani e Martina Oneda. L’idea di creare un quartiere sostenibile è nata durante il loro percorso di studi incentrato sull’architettura eco-friendly e la promozione di pratiche di sviluppo sostenibile. Le tre ragazze hanno colto l’opportunità di applicare le loro conoscenze in un progetto concreto che avrebbe avuto un impatto positivo sulla comunità locale.

LEGGI ANCHE: Smart working in Italia: un’occasione da non sprecare

UN QUARTIERE ECO-FRIENDLY

La chiave del successo di Wood Hut risiede nell’utilizzo degli scarti del riso, un materiale abbondante e spesso trascurato. Sabrina, Laura e Martina hanno scoperto che gli scarti del riso, opportunamente trattati e pressati, possono essere utilizzati come un’eccellente alternativa al legno. Questo materiale, chiamato rice wood, si è rivelato resistente, duraturo e altamente sostenibile dal punto di vista ambientale. Il quartiere Wood Hut è stato progettato con una visione olistica, che integra aspetti di sostenibilità, innovazione e comunità. Le abitazioni sono state costruite utilizzando esclusivamente il rice wood, riducendo al minimo l’impatto ambientale e promuovendo la sostenibilità del ciclo di vita degli edifici. Inoltre, il quartiere è dotato di pannelli solari per la produzione di energia elettrica e di sistemi di raccolta delle acque piovane per un utilizzo consapevole delle risorse.

Ma Wood Hut non è solo un quartiere ecologico, è anche un luogo di lavoro smart. Le case sono state progettate per integrare spazi dedicati al coworking, consentendo ai residenti di lavorare comodamente da casa, riducendo gli spostamenti e promuovendo uno stile di vita più sostenibile. Sabrina, Laura e Martina hanno coinvolto attivamente la comunità locale nel progetto, organizzando workshop e eventi per sensibilizzare sulle tematiche legate alla sostenibilità e alla conservazione dell’ambiente. Inoltre, hanno collaborato con aziende locali per promuovere l’utilizzo dei prodotti a km zero e incoraggiare lo sviluppo economico sostenibile nella regione.

Il progetto è candidato al Premio Non Sprecare 2023, nella sezione Scuola e Università. Per candidare i vostri progetti, seguite le istruzioni fornite qui.

I PROGETTI IN CONCORSO PER IL PREMIO NON SPRECARE 2023: 

KuBet
KUBet - Trò chơi đánh bài đỉnh cao trên hệ điều hành Android
Torna in alto