Violenze sugli animali nei macelli - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Violenze sugli animali, troppa indifferenza. E nei mattatoi arrivano le telecamere (video)

La proposta sarà presto votata in Francia, e diventerà legge. Ma intanto poniamoci una domanda: perché aumentano le violenze gratuite sugli animali? Forse non abbiamo capito chi sono e quanto contano nella nostra vita

di Posted on

VIOLENZE SUGLI ANIMALI NEI MACELLI –

C’è una violenza, tra le tante, che non accenna a diminuire, ma anzi sembra diventata un oggetto dell’assuefazione al relativismo più spinto: la violenza sugli animali. Riceviamo continue segnalazioni di cani e gatti abbandonati sulle strade, torture nei mattatoi, vendite clandestine di animali costretti a vivere in condizioni pietose. Tutto passa nel silenzio, nell’indifferenza, tranne la solita voce, sempre più isolata, di qualche generosa associazione che difende i più deboli, in questo caso gli animali.

LEGGI ANCHE: Turismo crudele, alla scimmietta Boris hanno strappato i denti per selfie sicuri con i visitatori

TORTURE ANIMALI NEI MATTATOI –

Mi ha colpito il fatto che in Francia, proprio sotto le pressione di movimenti e associazioni degli animalisti, si sia arrivati a un punto molto importante, e cioè alla proposta di una legge per mettere le telecamere in tutti i 263 mattatoi dove gli animali arrivano prima di essere macellati.

PER SAPERNE DI PIÙ: Elisir di lunga vita: cani e gatti ci fanno vivere più a lungo

Come sapete, sono sempre scettico di fronte al moltiplicarsi di norme, leggi, e decreti, specie laddove sono in gioco questioni che hanno a che fare con i nostri stili di vita, la nostra sensibilità di uomini e donne, l’idea stessa della vita. Ma certo le immagini rubate nei mattatoi che hanno portato a questa decisione sono davvero raccapriccianti: si vedono maiali, pecore e mucche che vengono appesi al gancio ancora vivi, oppure accompagnati alla morte a colpi di scariche elettriche, decapitati senza un motivo. E così via.

I video sono realizzati dall’associazione animalista francese L214.

VIOLENZE NEI MACELLI –

Perché tanta violenza sugli animali? Me lo chiedo da italiano, popolo di «brava gente» e con antiche radici contadine ( i contadini riconoscono da sempre il valore degli animali e quindi li rispettano), e l’unica risposta che riesco a darmi è questa: abbiamo smarrito il valore, la dignità, la sensibilità, l’umanità (sì, avete capito bene: l’umanità) degli animali, e piano piano abbiamo iniziato a considerarli appendici superflue delle nostre vite. Poco più di un qualsiasi oggetto che in un casa o sulla tavola può starci o non esserci mai. Anche per questo il sito Non sprecare non fa altro che raccontare, spiegare e documentare storie che scolpiscono l’importanza degli animali al nostro fianco. Sono loro, gli animali che ci allungano la vita, ci regalano la compagnia e la gioia di un’amicizia, rallegrano giornate tristi di bambini colpiti da malattie mortali. Storie che continueremo a moltiplicare, sperando la violenza sugli animali si possa fermare innanzitutto a partire dai nostri cuori e non solo utilizzando la leva della legge.

PER APPROFONDIRE: Stop agli animali nei circhi: il disegno di legge del governo italiano. Una vittoria importante

Shares