Questo sito contribuisce all'audience di

Un prodotto inquina? Te lo dice l’etichetta

di Posted on
Condivisioni

Basta un gesto semplice per sapere quanto, un determinato articolo, incide sull’ambiente in termini di emissioni di CO2: leggere l’etichetta. “Per il clima” così come è stata denominata, è la prima etichetta in Italia che comunica la quantità di anidride carbonica generata da un prodotto o da un servizio a partire dalla fase di produzione fino al suo smaltimento.

Trasparenza e consumo responsabile si uniscono, quindi, insieme, in una importante iniziativa promossa da Legambiente in collaborazione con Ambiente Italia e a cui hanno aderito un gran numero di aziende consultabili sul sito viviconstile.org insieme ai relativi prodotti: dagli alimenti alle stampanti, alle lampadine fino, addirittura, ai menu completi. In particolare, cliccando sul prodotto di interesse, oltre alla nomenclatura degli ingredienti è possibile visualizzare anche i chilogrammi di CO2 emessi durante tutto il ciclo di vita.

LEGGI ANCHE: In arrivo l’eco etichetta degli alimenti

I vantaggi che ne derivano sono molteplici sia per l’azienda che può orientarsi verso scelte di produzione più sostenibili e sia per i consumatori che, grazie alla chiarezza delle informazioni, possono scegliere uno stile di vita sano e a tutela dell’ambiente. “Con queste aziende siamo stati pionieri della prima comunicazione ambientale sul prodotto rivolta al consumatore finale”, così Andrea Poggio, presidente della Fondazione Legambiente Innovazione ha commentato l’iniziativa.

E siccome è in continua crescita il numero di cittadini attenti alle conseguenze ambientali delle proprie scelte di consumo, risulta, particolarmente, interessante il progetto messo in atto da un’azienda toscana, la Salcheto, che ha introdotto il web tag, un sistema per misurare l’impronta di carbonio dei suoi vini.

LEGGI ANCHE: Vino biologico, lo indicherà l’etichetta

Basta, infatti, puntare lo smartphone sul web tag collocato sull’etichetta per attivare un calcolatore che misura le emissioni serra legate al consumo in quel preciso luogo. Naturalmente, molto dipende da dove si brinda: più ci sia allontana dal luogo di produzione più il costo sale perché bisogna calcolare le emissioni serra legate al trasporto. “Attraverso il calcolatore, uno strumento semplice ma molto efficace, abbiamo voluto far riflettere i fruitori delle nostre bottiglie”, ha dichiarato Michele Manelli, presidente dell’azienda agricola, aggiungendo: “Chi vuole potrà, poi, adottare azioni consapevoli che gli permetteranno di bere un vino di qualità neutralizzando le emissioni di gas climalteranti generate da quella bottiglia”.