Questo sito contribuisce all'audience di

Tutti i segreti per risparmiare sulle bollette di casa

di Posted on
Condivisioni

La crisi dell’economia mondiale sta mettendo a dura prova i risparmi delle famiglie italiane, rendendo sempre piu’ importanti anche i piccoli accorgimenti con cui si possono contenere le spese di tutti i giorni. A partire dalle bollette di casa: quelle della luce, del gas, e soprattutto del telefono, il cui importo (se non si opta per un pacchetto tutto compreso) puo’ variare considerevolmente a seconda del numero di chiamate effettuate verso i cellulari e delle ore trascorse in Internet. In ogni caso, le cosiddette offerte flat, numerose sul mercato, non sono adatte a tutti. Al contrario, la prima regola per scegliere con oculatezza e’ soffermarsi separatamente sui costi richiesti per il traffico voce e su quelli per il web e poi confrontarli con le proprie reali esigenze. Quanto ai cellulari, di norma e’ bene scegliere un unico gestore per tutti i telefonini della famiglia. Senza contare che chi ha pazienza di completare tutte le verifiche, anche con l’ausilio dei siti Internet specializzati, puo’ spendere fino al 50% in meno. Forse anche piu’ complesso il quadro delle tariffe di luce e gas, ma passando in rassegna le offerte disponibili sul mercato ciascuno puo’ scegliere il profilo piu’ adatto: il metro di paragone piu’ immediato e’ il costo al kW ma spesso le tariffe variano in base ai consumi. Cambiare il fornitore di luce e gas, passando per esempio dalle ex municipalizzate ai colossi dell’energia nazionale o viceversa, e’ senza penali ma naturalmente il trasloco e’ tanto piu’ conveniente quanto i consumi sono importanti. Un’altra possibilita’ sono, poi, le cosiddette tariffe a prezzo bloccato: una strada che pero’ va scelta solo dopo puntuali verifiche, cosi’ come le offerte dual-fuel e quelle biorarie. L’alternativa e’ restare sul cosiddetto mercato a maggior tutela, dove vigono le tariffe e le garanzie fissate dall’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas. Infatti se il cliente tutelato resta senza il servizio non solo il gestore deve correre a ripristinarlo ma riconosce anche una penale.