Questo sito contribuisce all'audience di

Spreco di tempo. Tecnologia: nociva per bambini e adolescenti?

di Posted on
Condivisioni

Tv, computer, consolle di gioco, telefonini? di certo non manca nulla ai nostri figli che imparano a “smanettare” con i prodotti super tecnologici molto prima di noi ma che, nello stesso momento, pare adottino comportamenti tutt’altro che benefici per la loro salute.

Secondo un medico ricercatore della University of New Mexico, School of Medicine di Albuquerque, gli adulti dovrebbero porre piu’ attenzione all’utilizzo che i loro figli fanno dei mezzi di comunicazione messi loro a disposizione.

I bambini e gli adolescenti di oggi passano mediamente piu’ di 6 ore al giorno utilizzando uno dei tanti mezzi di comunicazione a loro disposizione: in pratica piu’ di quanto trascorrono in aula impegnati nell’istruzione formale afferma Victor C. Strasburger durante il Media Briefing dell’American Medical Association.
Il fatto che quasi tutti i bambini abbiamo a loro disposizione computer collegati a Internet, lettori DVD e televisori rende molto complicato il controllo da parte dei genitori. Tutta questa “tecnologia”, senza l’adeguato controllo, puo’ trasmettere loro informazioni sbagliate e condizionare il loro comportamento su diversi temi, tra cui il sesso, la droga, la violenza, dando luogo anche a disturbi alimentari di ogni tipo.
La pubblicita’ e’ sicuramente uno dei maggiori fattori scatenanti i problemi legati al rapporto che si ha con il cibo. Vengono quotidianamente proposti alimenti privi di valore nutrizionale e ipercalorici, ma “ben confezionati” e dall’aspetto allettante. Senza considerare l’importanza che viene data all’immagine, mostrando modelle sempre piu’ magre che a lungo andare inducono comportamenti patologici come l’anoressia.

I media non sono ovviamente la causa unica e principale di ogni problema di salute riscontrabile in eta’ pediatrica ma danno un contributo sostanziale a molti di essi, afferma Victor Strasburger
Secondo il ricercatore dovrebbe esserci una legislazione ben precisa che regoli la tipologia dei messaggi inviati attraverso i media convertendo, se possibile, i mezzi di comunicazione in un strumento utile anziche’ deleterio.
I media possono diventare strumenti per promuovere valori positivi nei piu’ piccoli e nelle societa’ di domani ed essere utilizzati nelle scuole anche per l’istruzione classica conclude Strasburger.