Spesa per i farmaci in Italia, lo spreco degli ospedali - Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Sprechi di farmaci: i cittadini risparmiano, gli ospedali scialano

Spesa per i farmaci in Italia - mentre la spesa farmaceutica individuale diminuisce, sono gli ospedali che continuano ad aumentare gli acquisti.

di Posted on
Condivisioni

Gli italiani stanno sprecando meno farmaci, anche se ogni cittadino, in media acquista, 30 confezioni di pillole l’anno, una cifra ancora molto alta. Ma mentre la spesa farmaceutica individuale diminuisce, sono gli ospedali che continuano ad aumentare gli acquisti coperti dal Sevizio sanitario nazionale.

Il Rapporto presentato dall’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) è molto singificativo per capire la linea di tendenza di una spesa, quella per i medicinali, che complessivamente (il dato si riferisce all’anno 2012) vale 25,5 miliardi di euro dei quali il 76 per cento è interamente a carico dello Stato.

LEGGI ANCHE Tumore al seno, come si fa l’autoesame

SPESA PER I FARMACI IN ITALIA. Dunque stiamo risparmiando, facendo attenzione a non acquistare pillole che poi finiscono nella spazzatura. Tra i medicinali più utilizzati dagli italiani ci sono, al primo posto, i farmaci cardiovascolari, seguiti da quelli dell’apparato gastrointestinale e dalle medicine per il sangue.

Tutti medicinali in diminuzione. L’unico comparto dove, purtroppo, si registra ancora un aumento della spesa farmaceutica è quello degli antidepressivi, cresciti del 4,5 per cento negli ultimi tre anni.

LEGGI ANCHE: Salute, frutta e cereali per prevenire il tumore al fegato

SPESA PER I FARMACI NEGLI OSPEDALI. La parte più sconcertante dela Rapporto dell’Aifa, come dicevamo, riguarda gli ospedali. Qui gli acquisti di medicine continuano a crescere, a un ritmo a due cifre: soltanto nel 2012, infatti, nelle strutture sanitarie sono stati spesi 7,9 miliardi di euro per l’acquisto di medicinali, con un aumento del 12,6 per cento rispetto allo scorso anno.

Ma se il cittadino, anche per effetto della Grande Crisi, è più attento, riduce gli sprechi, sebbene il medicinale sia interamente rimborsato dallo Stato, perché i responsabili degli ospedali non possono fare lo stesso?