Questo sito contribuisce all'audience di

Slot machine: ne arrivano altre 50mila. Eppure il governo aveva promesso di ridurle…

La corsa alle nuove autorizzazioni è scattata perché la legge di stabilità prevede dal 2016 solo la sostituzione dei vecchi apparecchi. Scomparsa la tassa di 500 milioni di euro per i gestori.

di Posted on
Condivisioni

SLOT MACHINE IN ITALIA –

Le bugie hanno le gambe corte.  Appena due mesi fa il sottosegretario all’Economia, Pierpaolo Baretta, rispondendo a una serie di interrogazioni ed alle pressioni di associazioni ed enti vari, aveva annunciato l’intenzione di ridurre le slot machine per il gioco d’azzardo di almeno il 25 per cento. Considerando che, sempre secondo i dati del ministero, siamo a quota 340.785 (record in Europa), il taglio del governo significava l’eliminazione di circa 50mila macchinette per l’azzardo di Stato.

LEGGI ANCHE: Basta, il gioco d’azzardo in Italia lo protegge lo Stato. Interessato solo a incassare soldi

SLOT MACHINE E LEGGE DI STABILITÀ –

Adesso invece si scopre che non solo le slot machine non diminuiranno, ma ne sono in arrivo altre 50mila nei punti vendita (bar, ristoranti e locali pubblici) autorizzati. Come mai? La legge di stabilità prevede che, da quest’anno, il nulla osta venga rilasciato solo per «apparecchi sostitutivi» e non per nuove slot machine. Da qui una vera corsa all’autorizzazione, entro il 31 dicembre, prima che scatti il limite previsto dalla legge di stabilità. Con il risultato che, stando ai primi calcoli, vedremo in Italia altre 50mila macchinette mangiasoldi.

TASSE PER GIOCO D’AZZARDO –

D’altra parte gli affari dei gestori vanno a gonfie vele, anche grazie agli sconti fiscali che continuano a ricevere dal governo. Nella legge di stabilità del 2015 era prevista una nuova tassa che valeva complessivamente 500 milioni di euro (in realtà, dopo una valanga di ricorsi, ne sono stati incassati solo 300). Ma questa imposta è scomparsa con la legge di stabilità del 2016. E le macchinette per il gioco d’azzardo sono aumentate.

PER APPROFONDIRE: No slot machine, in Toscana sconto Irap ai locali che rinunciano al gioco d’azzardo