Riciclo bicchieri di caffè, il progetto RiVending a Parma - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

RiVending, così a Parma il bicchiere del caffè non si spreca. E torna a nascere

Un progetto che vede insieme l’azienda privata Flo che produce questi oggetti molto sprecati, l’amministrazione locale, e la municipalizzata Iren. Sotto il segno dell’economia circolare

Condivisioni

Mario è un impiegato di una piccola azienda a Parma. Ogni mattina va alla sua macchinetta preferita e beve due caffè. Allarmato dall’emergenza plastica, chiede a Luca, un collega: «Che fine fanno tutti i bicchieri di plastica e le relative palette?». Risposta di Luca: «Qui ci pensa RiVending». Si tratta di un progetto che ha messo insieme l’azienda privata Flo, l’amministrazione locale, e la municipalizzata Iren per dare vita a un processo di riciclo e recupero della plastica molto virtuoso.

RICICLO BICCHIERI CAFFÈ

Nello specifico il processo prende il via utilizzando uno speciale contenitore dotato di quattro grandi fori dal diametro pari a quello del bicchiere ed uno più piccolo per le palette. All’interno di ciascuna fessura ci sono tubi rigidi appositi che favoriscono l’impilamento dei bicchieri, al fine di ridurre lo spazio di raccolta. Il contenuto finisce in un sacchetto di colore diverso da quelli della raccolta differenziata e viene ritirato insieme al resto, per poi essere smaltito.

LEGGI ANCHE: Plastica, iniziamo a eliminare la più inutile. Via cannucce, cotton fioc e bottigliette

RICICLO PLASTICA

Una volta ritirati, i bicchieri e le palette vengono portati alla centrale del riciclo e riuniti con gli altri bicchieri. Quest’ultimi vengono schiacciati, macinati, risciacquati, asciugati e poi riportati alla fabbrica di produzione, dove i granuli di plastica ottenuti vengono riutilizzati per creare nuovi bicchieri, che andranno a rifornire proprio le macchinette dai quali provengono. Si tratta di un ciclo chiuso, conforme alle richieste dell’Unione Europea nella prospettiva di una vera e propria economia circolare. Il progetto RiVending, infatti, consente di saltare una serie di passaggi che si hanno invece con il classico percorso della raccolta differenziata della plastica. Ottenendo così un riciclo diretto “cup to cup”: da bicchiere a bicchiere”. La sfida ora è estendere il progetto all’intero comune di Parma e poi ad altri comuni in Italia.

 

PROGETTO RIVENDING

Ad aiutare questo tipo di processo anche la composizione dello scarto lavorato. I bicchieri e le palette, infatti, sono realizzati al 100% in polistirolo, materiale che ha le caratteristiche per consentire una corretta erogazione della bevanda all’interno del distributore. Inoltre sono facilmente recuperabili e pulibili: i residui di caffè, latte, tè o bevande sono infatti liquidi facilmente eliminabili, senza alcun tipo di contaminazione, prima del riciclo meccanico che li riporterà ad essere scaglie o granuli di plastica che verranno reimmessi nella produzione.

Il progetto è in concorso per l’edizione 2019 del Premio Non Sprecare. Per conoscere il bando e partecipare vai qui!

Se il progetto ti è piaciuto condividilo su Facebook, Twitter e G+

QUALCHE BUONA IDEA DI RICICLO DELLA PLASTICA: