MuseInquietanti, il progetto del liceo Roiti di Ferrara
Questo sito contribuisce all'audience di

MuseInquietanti, il progetto del liceo Roiti di Ferrara per scoprire le bellezze del territorio

Protagonisti gli studenti dello scientifico che sono andati lungo le tracce dell’antica città greco-etrusca di Spina. A cent’anni dalla sua scoperta

Due insegnanti di Lettere, Elena Cavalieri d’Oro e Francesca Bianchini, con un gruppo di classi del liceo scientifico statale Roiti di Ferrara, sono protagoniste di un progetto che mette insieme cultura, formazione e territorio. Cercando di spingere i ragazzi a non sprecare le risorse che hanno a portata di mano e talvolta rischiano di non vedere.

PROGETTO MUSEINQUIETANTI

Il progetto si chiama MuseInquietanti e, attraverso un percorso didattico, intende valorizzare un patrimonio unico nella zona: il Museo Archeologico Nazionale della città di Ferrara, all’interno di palazzo Costabili. Tutto in occasione del centenario della scoperta di Spina, una città greco-etrusca, nata sull’acqua tra il fiume Po e il mare Adriatico, e venuta alla luce nel corso degli scavi per la bonifica dell’area, negli anni Venti.

LEGGI ANCHE: Carlo Mazzone, perché è uno dei più bravi insegnanti del mondo

MOSTRA FOTOGRAFICA SUL TERRITORIO DI SPINA

Il cuore del progetto della scuola di Ferrara sono le immagini che i ragazzi hanno fatto sul territorio. A partire dai suggestivi paesaggi della zona. Valli, fiumi, mari: un territorio che mette insieme diverse combinazioni legate all’acqua.  La mostra, che di fatto fotografa il contesto nel quale è cresciuta la civiltà di Spina, potrebbe rientrare nelle manifestazioni previste per festeggiare, al Museo Archeologico, il centenario della scoperta di questa antica civiltà (1922-2022). E potrebbe diventare persino itinerante, trasferendosi in alcuni musei limitrofi legati alla civiltà dell’acqua, come quelli di Comacchio e del Ravennate.

“MuseInquietanti” è candidato al Premio Non Sprecare 2021, nella sezione “Scuole”. Per candidare i vostri progetti, seguite le istruzioni fornite qui.

I PROGETTI IN CONCORSO PER IL PREMIO NON SPRECARE:

  1. Food Shuttle: come insegnare ai bambini il valore del cibo
  2. Numero Zero: il ristorante di Perugia dove lavorano ragazzi con disturbi mentali
  3. “Dispensa l’eccedenza”, il progetto del Comune di Tivoli per combattere gli sprechi alimentari
Share

<