Modi per ricordare i sogni - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Sogni: che fare per ricordarli

Carta e penna la mattina, per segnare tutto. Sapendo che i sogni aumentano la creatività e aiutano a risolvere i problemi

sogni non bisogna sprecarli. E purtroppo a fronte di 4-6 sogni che ogni persona, in media, riesce a fare a notte, il 95 per cento evaporano. Vengono regolarmente dimenticati al risveglio. Eppure i sogni, oltre a darci creatività, hanno una linea di continuità con la vita reale e il loro contenuto è sempre una trama ideale per dare informazioni sulla nostra salute psicologica. Il sonno, per dirla in breve, è una seduta psicoterapeutica.

MODI PER RICORDARE I SOGNI

Sogniamo per il 25 per cento delle nostre ore di sonno, in media passiamo quasi 6 anni della nostra vita sognando. Traducendo il dato in ore, sono 50mila ore di sogni, e una persona tra i 15 e i 75 anni ne fa circa 87mila.

Numeri impressionanti, che testimoniano quanto la dimensione onirica sia importante e presente nella vita umana: una tra le materie più studiate e sondate ma ciò nonostante ancora non del tutto spiegabile, incontrollabile e sorprendente.

I sogni, soggetto principale di romanzi, adattamenti cinematografici, piece teatrali e tormentoni pop; ce li immaginiamo immersi nella nebbia, di colori pastello o dalle ombre espressive, assumono contorni felici o toni horror, a volte diventano veri e propri film che facciamo dormendo.

In realtà, sognare è un complesso e raffinatissimo meccanismo che la nostra mente adotta per sopportare, superare ed elaborare la quantità di stress emotivo che incameriamo durante la giornata. Come se ci aiutasse a ‘pulire’ la mente dal sovraccarico di ansie e di emozioni che proviamo da coscienti. Per usare una metafora informatica, è come se il nostro cervello deframmentasse il disco durante la fase REM del sonno, quella meno ristoratrice e quella durante la quale sogniamo.

LEGGI ANCHE: Elogio della follia, per realizzare i sogni. Ieri lo diceva Einstein, oggi Zuckerberg

COME RICORDARE UN SOGNO DIMENTICATO

Al mattino, comunque, non tutti ricordiamo i nostri sogni, ma ciò non significa che non sogniamo. Quasi tutti hanno un’attività onirica, i casi di uomini e donne che non sognano affatto o sognano assai poco sono davvero molto rari. Molto più probabile è il caso in cui nonostante si sogni non si riesca a ricordare ciò che si sogna, cosa che ci fa affermare di non averlo fatto.
Il problema, dunque, è proprio quello di imparare a ricordare i sogni, per fissare nella memoria sogni belli o dolci o elaborare quelli che ci hanno magari spaventato.
Le tecniche sono tante, quella che viene consigliata sempre più spesso da psicologi e psicoterapeuti è la compilazione del diario dei sogni. Consiste nel trascrivere sotto forma di parole chiave le immagini oniriche di cui ci ricordiamo, ma dobbiamo farlo tassativamente come prima cosa al mattino, poco dopo aver aperto gli occhi, altrimenti non saremo più in grado di accedere ai nostri ricordi semicoscienti.
Non importa se all’inizio non ricordiamo proprio tutto, dobbiamo perseverare: solo così alleneremo il nostro cervello a perfezionare la memoria dei sogni.

modi per ricordare i sogni

APP PER RICORDARE I SOGNI

Anche la tecnologia ci viene in aiuto per ricordare i sogni che facciamo, con numerose app o spazi virtuali in cui poter trascrivere, socializzare e condividere i nostri sogni. Una specie di memoria collettiva aperta alle interpretazioni di tutti e tutte coloro che leggono, un club dei sogni in cui ognuno può portare le proprie esperienze oniriche e metterle a disposizione delle riflessioni di chiunque abbia un account. Gruppi del genere sono una sorta di terapia di gruppo senza terapeuta o facilitatori; negli Stati Uniti sono famosissimi e ruotano intorno a portali come World Dream Atlas o Dreambox, in cui persone di tutte le età (solo su World Dream Atlas sono 7 mila i partecipanti) caricano appena svegli i propri sogni e tutti possono commentarli.
Gli scienziati, dunque, hanno a disposizione questa massa di dati che permette loro di studiare l’attività onirica come fosse un focus group con migliaia di partecipanti. I sogni che ricorrono più spesso in tutte le latitudini e tutte le età sono due: quello di cadere e quello di volare. Quanto agli incubi, quello di apparire nudi in momenti pubblici e importanti è sicuramente uno dei più ricorrenti.
Ci sono infine altre app che promettono di aiutarci a ricordare i sogni: Capture, ad esempio, Dream Journal, o, per i soli utenti Apple, l’applicazione Sogni, che identifica anche eventuali sogni più ricorrenti.

La domanda è solo una: vogliamo davvero riempire con la tecnologia uno dei pochi avamposti senza connessione e mania di controllo? Vogliamo davvero dare in pasto alla rete uno dei pochi spazi de-tecnologizzati che ci restano?
La risposta non è univoca, ma sicuramente lasciare inesplorato il mondo dei sogni e dell’inconscio è un peccato e una perdita.

PER APPROFONDIRE: Fiabe e favole per la buonanotte, queste sono le migliori. Fanno sognare i bambini, e sviluppano una parte importante del cervello

PERCHÉ SOGNARE É IMPORTANTE?

Sognare è molto importante, e come abbiamo visto, consente di darci le più utili informazioni sulla nostra salute psicologica. Ma ci sono altri benefici che arrivano dai sogni. Per esempio, i sogni, secondo diversi studi, migliorano la memoria, già dalla mattina successiva. Il sogno agisce come un fissatore dell’apprendimento, e quindi se la notte si sogna, al mattino si ricorda meglio. Inoltre i sogni aumentano l’autostima, la creatività, la proattività e in generale capacità di risolvere i problemi.

Sicuramente, infatti, come sottolinea un recente studio dell’Università di Harvard nella persona della dottoressa Deirdre Barrett , sognare e ricordare le visioni che abbiamo durante il sonno, ispira la creazione artistica e il pensiero laterale.
Musica ed arte sono piene di esempi del genere: Salvador Dalì era solito dormire seduto con una chiave in mano per far sì che il cadere della chiave e il suo rumore sul pavimento non appena si fosse addormentato lo avrebbero svegliato in uno stato di semicoscienza in cui avrebbe ricordato le immagini oniriche; Stephen King si servì di un sogno per continuare la stesura di It che era bloccata da troppo tempo. Oppure Paul McCartney, che si ispirò proprio ad un sogno per scrivere Yesterday. E ancora, geni della letteratura come Vladimir Nabokov o della musica classica come Ludwig Van Beethoven, erano soliti tenere un diario dei sogni per trarne ispirazione.
Non solo creatività, comunque: i sogni ci aiutano anche a trovare soluzioni a problemi di tutti i giorni. Un esempio tra tanti: avete un parente con il quale avete bisticciato e che continuate a sognare?
La risposta è che, forse, non siete ancora pronti a rompere definitivamente i rapporti.

SOGNI E REALTÀ

Le ricerche scientifiche tendono a dimostrare in modo sempre più inequivocabile quanto l’attività onirica rifletta la nostra esperienza quotidiana. Quanta somiglianza ci sia tra sogni e realtà. E’ uno dei motivi per  i quali gli psicoterapeuti utilizzano molto i sogni nel corso delle loro sedute. Nell’università della California a Santa Cruz esiste una DreamBank, la Banca dei sogni, che ne custodisce 24.035, scritti tra il 1916 e il 2017. Esaminando tutto questo complesso materiale attraverso un algoritmo, gli studiosi sono riusciti ad arrivare ad alcune conclusioni importanti. Gli uomini fanno sogni più violenti delle donne. I sogni si modificano passando dall’adolescenza all’età adulta. Ancora: l’esperienza quotidiana è la principale fonte dei sogni. E, infine, i sogni dei non vedenti, che nella vita quotidiana hanno sempre bisogno degli altri, sono i più pacifici in assoluto.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato. Clicca qui!

COME DORMIRE BENE:

Share

<