Milano stop fumo nei luoghi pubblici entro il 2030 - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Milano, una proposta per mettere al bando il fumo all’aperto entro il 2030

Lo ha annunciato il sindaco del capoluogo lombardo, Giuseppe Sala, che ha manifestato anche l’intenzione di vietare subito le sigarette alle fermate dell'autobus o durante le code per usufruire dei servizi del Comune

di Posted on

Milano, nel prossimo futuro, potrebbe diventare una città dove sarà sempre più difficile fumare. È l’obbiettivo del sindaco del capoluogo lombardo, Giuseppe Sala, che nei giorni scorsi incontrando i cittadini nel quartiere Isola, ha annunciato: “Entro il 2030 non permetteremo più di fumare all’aperto” e “subito o a breve alle fermate dell’autobus o durante le code per i nostri servizi non si fumerà”. Il provvedimento è stato inserito all’interno del Regolamento Aria-Clima, che sarà discusso prossimamente dal Consiglio comunale, con la speranza da parte dell’amministrazione di approvarlo entro marzo.

MILANO STOP FUMO

L’iniziativa punta a limitare un’abitudine dannosa per i cittadini che, spesso, crea danni non solo a chi fuma ma anche a chi gli è intorno. Inoltre le sigarette, oltre ad essere un fattore di rischio per la salute, contribuiscono (sebbene in minima parte) all’inquinamento cittadino. Un problema, quello dell’inquinamento, che a Milano è particolarmente stringente e necesssita di misure forti per invertire la tendenza, anche perché, ricorda Sala, “un’emergenza che si è creata in 100 anni non si risolve in 100 giorni”.

LEGGI ANCHE: Come smettere di fumare, ecco un metodo efficace e senza sprecare soldi con terapie

DIVIETO FUMO ALL’APERTO 2030 MILANO

Se l’amministrazione dovesse riuscire ad introdurre il blocco, inserirebbe Milano in una lista di Paesi e città virtuose che già adottano normative anti-fumo. Tra questi, ad esempio, la Polonia e la Germania, dove in attesa dei mezzi pubblici non si può fumare, così come in Svezia, dove il divieto è esteso anche ai tavolini esterni di bar e ristoranti. A New York, invece, non si può fumare nei parchi mentre in California in spiaggia e nelle strade. Infine in Giappone, e in particolare a Tokyo, si può fumare solo all’interno di ‘spot’ prestabiliti.

LIMITI SIGARETTE IN PUBBLICO

L’obiettivo del provvedimento è quindi anche quello di modificare un piccolo gesto della vita quotidiana, che contribuisce in quota parte all’emergenza climatica. E non sarà l’unico ad essere colpito, la norma allo studio infatti limiterà anche fuochi d’artificio o i forni a legna delle pizzerie. “Devono essere introdotti molti obblighi perché ciascuno faccia la sua parte”, ha concluso Sala.

COME SMETTERE DI FUMARE E PERCHÉ È IMPORTANTE:

Shares