Ictus: cos'è, le cause, i sintomi e come prevenirlo
Questo sito contribuisce all'audience di

Ictus: come prevenirlo con 10 mosse

Esercizio fisico regolare, sana alimentazione e niente fumo. Occhio a pressione e colesterolo. E peso sotto controllo

Per le donne è decisamente più grave, in quanto colpisce l’emisfero sinistro, nella parte posteriore del cervello: in Italia si contano 200mila casi di ictus all’anno. E una donna su cinque corre il rischio, nel corso della sua vita, di essere colpita da un ictus cerebrale, con pericoli crescenti dopo i 65 anni di età.

ICTUS

Nonostante tante insidie il 30 per cento degli ictus si potrebbero evitare semplicemente con una buona prevenzione, che riguarda gli stili di vita, l’alimentazione e qualche accorgimento medico.

CHE COS’È L’ICTUS

L’ictus, descritto e diagnosticato per la prima volta da Ippocrate ben 2.400 anni fa (il padre della medicina utilizzò il termine greco apoplessia, che significa “colpito con violenza”), si verifica in seguito alla riduzione o all’interruzione dell’afflusso di sangue al cervello, con la conseguente morte delle cellule cerebrali. Richiede un intervento rapido, e il fattore tempo è decisivo: se l’ictus è affrontato rapidamente, rispetto al momento nel quale si manifesta, le possibilità di ridurre i danni sono alte.

LEGGI ANCHE: Come prevenire il tumore al seno, esami e alimentazione

SINTOMI DELL’ICTUS

Purtroppo non ci sono tanti campanelli d’allarme che suonano per indicarci il rischio ictus. In compenso, cinque sono decisivi. La debolezza o l’insensibilità del volto, di una gamba o di un braccio, di una metà del corpo. Questa debolezza si accompagna a un intenso formicolio. Poi c’è l’improvvisa incapacità di esprimersi o di capire chi sta parlando.  L’oscuramento o la perdita di visione da un occhio. Una sensazione di sbandamento e\o di vertigine. Un forte e in spiegabile mal di testa.

COME PREVENIRE L’ICTUS

Ma più che la terapia, che dipende dalla gravità della malattia e dall’età del paziente, contro l’ictus servono precauzioni, ovvero l’autodifesa che possiamo fare, per non sprecare la nostra salute, da soli e con rimedi naturali.

Dieci sono i fondamentali:

  • Esercizio fisico. Non è necessario andare in palestra tutti i giorni, ma quello che conta è la continuità dell’esercizio fisico, grazie al quale la mortalità per malattie cardiovascolari si riduce del 20 per cento. E per attività regolare si intendono, senza particolari sforzi, 30 minuti al giorno. Anche passeggiando o salendo le scale a piedi.
  • Alimentazione sana. Non esiste una dieta perfetta, ma esistono sicuramente cibi più sani di altri che possiamo utilizzare senza arrivare all’ossessione dell’ In posizione privilegiata, tra questi cibi, ci sono frutta, verdura, carne bianca e pesce. Non è né faticoso né difficile assumerli con regolarità e fare in modo, per esempio, che il nostro colesterolo sia attorno a valori accettabili. Al contrario, è preferibile consumare meno di 5 grammi di sale al giorno.
  • Zero sigarette. Su questo fronte dello spreco della salute non esistono soluzioni intermedie. O si fuma, oppure si smette con la necessaria determinazione. Sapendo che qualsiasi medico avrà tutti gli elementi per confermarvi ciò che la scienza ha dimostrato in modo irrevocabile: il fumo favorisce trombosi e fenomeni trombotici. E dunque lo possiamo considerare uno dei fattori più negativi per il rischio dell’ictus.

ESAMI FARE PER PREVENIRE L’ICTUS

  • Controllo della pressione. Non esistono esami specifici per prevenire l’ictus. Ma un controllo, tra l’altro molto semplice: quello della pressione. In particolare, la pressione alta va ricondotta a livelli normali ed è la più pericolosa rispetto al rischio ictus, ma anche una pressione troppo bassa non è certo rassicurante. I valori ottimali sono 130 millimetri di mercurio per la massima e 80 per la minima. In caso di scostamento significativo e costante, consultate il medico (guai a prendere medicinali fai-da-te per la pressione) e sarà lui a darvi le indicazioni giuste. Un secondo esame molto semplice, che potete fare in farmacia, è quello della fibrillazione atriale: diversi studi hanno dimostrato che il 20 per cento degli ictus ischemici dipendono da questa aritmia cardiaca che, purtroppo, è quasi sempre non sintomatica. Infine la glicemia: potete controllarla una volta all’anno, in quanto se il valore è troppo alto potrebbe indicare un campanello d’allarme per il rischio diabete.
  • Il diabete di tipo 2. Questo tipo di diabete è legato proprio all’iperglicemia che si manifesta in seguito alla resistenza dell’organismo all’insulina. Il diabete di tipo 2 è riconducibile a un regime alimentare sbagliato, a un peso corporeo eccessivo, a una scarsa attività fisica: tutti fattori, che in sinergia con la specifica patologia, fanno aumentare il modo esponenziale il rischio di ictus.
  • Peso sotto controllo. Non bisogna diventare obesi per aumentare il pericolo di malattie cardiovascolari. Basta e avanza essere, per un tempo protratto, in sovrappeso. I rischi aumentano in proporzione alla crescita dell’indice di massa corporea che dovrebbe essere inferiore a 94 centimetri per gli uomini e a 80 centimetri per le donne.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato. Clicca qui!

RISCHIO ICTUS

  • Colesterolo troppo alto. Per evidenti motivi, dei quali abbiamo già parlato tra i fattori di rischio più significativi c’è sicuramente il colesterolo troppo alto. E per abbassare il colesterolo potrebbero bastare anche soltanto alcuni rimedi naturali, sempre nell’ambito della sana alimentazione e dell’attività fisica. I valori corretti del colesterolo sono noti, consultatevi con il medico per raggiungerli e terrete così a distanza la possibilità di formazione della placca arteriosa.
  • Non esagerare con l’alcol. Non esagerare con il consumo di alcol è una buona forma di prevenzione contro l’ictus per tre motivi. L’eccesso di alcol contribuisce ad aumentare la pressione, favorisce l’aumento di peso, danneggia la funzionalità epatica. Inoltre aumenta il rischio della fibrillazione atriale. Non esagerare significa evitare super alcolici e consumarli in circostanze eccezionali e cavarsela con un paio di bicchieri di vino (meglio se rosso) al giorno. Non è poco.
  • Un nemico chiamato stress. Anche la lotta allo stress è un buon esercizio preventivo contro l’ictus. È lo stress eccessivo che può portarci a infarti e ictus, e chi è stressato ha la tendenza a non fare esercizio fisico né a seguire un a sana alimentazione. Avete presente i casi di cronaca degli automobilisti che muoiono di infarto o di ictus dopo una lite stradale? Ecco: sono la fotografia del rischio stress.
  • Rispettare le cure. In alcuni casi, e solo su indicazione del medico curante, diventa indispensabile prendere alcune medicine per abbassare il colesterolo oppure per fare scendere la pressione o per entrambe le cose. Queste cure non vanno mai sospese, se quando è lo stesso medico a ordinarlo.

GLI ALIMENTI ALLEATI DELLA SALUTE:

  1. Lenticchie: tutte le proprietà e i benefici per la salute
  2. Frutta secca: i benefici per la salute. Un toccasana per il cuore e per le ossa
  3. Tutti i benefici per la salute delle fragole, preziose alleate anche della nostra bellezza
Share

Nessun commento presente

Che ne pensi?

<