Guida all'uso dell'olio di cannabis: quello che c'è da sapere - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Olio di cannabis, una mini-guida per usarlo bene. In cucina si miscela con l’olio per l’insalata

Un prodotto che supporta il nostro metabolismo. Usato anche per la pelle e per i suoi effetti rilassanti

di Posted on

Fa bene alla salute e, contrariamente a quanto si possa immaginare, non ha nessun effetto psicoattivo. Stiamo parlando dell’olio di cannabis, un prodotto naturale dalle molteplici proprietà che può essere utilizzato per scopi terapeutici e in cucina. L’importante però è sapere come usarlo per godere a pieno dei suoi benefici.

GUIDA USO OLIO CANNABIS

Questo prodotto, come dimostrano diversi studi, supporta il nostro metabolismo, permettendogli di funzionare al meglio. Oltre alle proprietà antiossidanti e nutrienti è anche un ottimo antinfiammatorio. Il modo più semplice per assumerlo è per via orale, versando qualche goccia sotto la lingua. Il suo sapore, soprattutto per i neofiti, è abbastanza particolare, quindi molti preferiscono utilizzarlo in cucina mischiandolo agli ingredienti dei loro piatti preferiti. In questo modo si può godere delle sue proprietà, senza rinunciare al gusto. Quest’olio può essere assunto anche per via cellulare, spalmandolo direttamente sulla pelle: non a caso è molto diffuso anche in cosmetica.

LEGGI ANCHE: Cannabis light in Italia, che cosa dice la legge. Come, quando e dove si vende

DI COSA È FATTO L’OLIO DI CANNABIS

Il segreto dell’olio di cannabis è il cannabidiolo (Cbd), un composto organico che si ricava dalla canapa, una tipologia di Cannabis Sativa. Una volta estratto, viene legato a un olio, spesso d’oliva, che consente di valorizzarne le capacità nutrienti e antiossidanti. Questo prodotto, totalmente naturale, una volta lavorato non crea assuefazione e possiede proprietà terapeutiche. Gli effetti collaterali psicoattivi, collegati alla cannabis, infatti risiedono nel THC un’altra sostanza cannabinoide, che può provocare alterazioni mentali, seppur momentanee, e genera assuefazione. Questo principio attivo, però, in quasi tutti gli olii è assente o comunque ben al di sotto della soglia di legge dell’1%.

DOSAGGIO OLIO CANNABIS

L’assunzione diretta per via orale è la più efficace e veloce per godere dei suoi benedici. L’importante però è non esagerare con il dosaggio, ragione per la quale è fondamentale attenersi ai consigli che vengono forniti nelle indicazioni per l’uso presenti sui flaconi in commercio. Inoltre, il prodotto è sensibile alla luce e al calore, quindi bisogna assicurarsi di non utilizzarlo con il fuoco diretto in fase di cottura. Piuttosto è meglio preparare un piatto e poi condirlo con qualche goccia d’olio. Infine, premuratevi di conservarlo in un luogo buio e fresco per preservarne le proprietà benefiche e il gusto.

QUALE OLIO DI CANNABIS SCEGLIERE

Questo tipo di olio è facilmente reperibile online ma anche in diversi negozi specializzati. In fase di scelta è sempre meglio preferire dei prodotti preparati con ingredienti biologici. Per quanto riguarda la sua composizione: quello preparato con olio d’oliva ha un sapore più leggero ed è maggiormente consigliato a chi utilizza per le prime volte questo prodotto. Viceversa quello legato all’olio di semi di canapa, può risultare più forte ma è anche più ricco di proprietà. Quindi il consiglio è cominciare con quello d’oliva e, dopo aver fatto l’abitudine al sapore, passare a quello di canapa.

OLIO CANNABIS IN CUCINA

L’olio di cannabis è liposolubile, ossia è in grado di sciogliersi in solventi grassi. Una caratteristica che lo rende particolarmente facile da utilizzare in cucina. Uno dei modi più semplice per utilizzarlo è mischiarlo con l’olio che di solito si usa per condire le insalate o le salse per la pasta. Da non sottovalutarne l’utilizzo nemmeno su uova strapazzate, purè di patate e addirittura sulla pizza. Oltre al salato è facile da legare anche ai dolci, inserendo ad esempio l’olio tra gli ingredienti di cioccolatini, torte o biscotti. Immancabili, infine, i frullati che possono diventare un ottimo modo per regalare al nostro organismo tutto ciò di cui ha più bisogno per funzionare al meglio.

EFFETTI BENEFICI OLIO DI CANNABIS

Gli effetti benefici dell’olio di cannabis hanno una ragione scientifica. I principi attivi presenti nelle piante cannabinoidi, come appunto la cannabis, sono in grado di attivare i recettori che nel nostro organismo sono coinvolti nei processi di regolazione della sensazione del piacere, della concentrazione, dell’appetito, ma anche della memoria e della sopportazione del dolore. Inoltre ha il grande pregio di avere ricadute positive anche sul sistema immunitario, aiutando a prevenire diverse patologie. Insomma un prodotto benefico a tutto tondo, di cui sarebbe sciocco non approfittare.

MALESSERI STAGIONALI: TUTTI I RIMEDI NATURALI
  1. Come curare bene la febbre nei bambini, anche con i rimedi naturali
  2. Mani e piedi freddi, più colpite sono le donne. Reagite con un massaggio e tisane di zenzero
  3. Mal di gola: come curarlo con i rimedi naturali, dall’infuso di salvia all’olio di eucalipto
  4. Mal di testa, quali sono le vere cause. E i rimedi naturali . A partire da una passeggiata…
Shares