Gruppi d’acquisto per risparmiare sulla spesa

Sono più di 800 e crescono a un ritmo molto alto. Alcuni sono nati per le forniture energetiche. Risparmi dal 15 al 30 per cento
Tutti i vantaggi dei Gas, i gruppi di acquisto solidale

GRUPPI DI ACQUISTO 

Il nome non è certo accattivante, ma i Gas (Gruppi di acquisto solidali) rappresentano ormai un’importante realtà nell’universo dei consumi, di qualsiasi genere. In gruppo, infatti, non si fannno più solo acquisti di generi alimentari (la classica spesa), ma qualsiasi prodotto, e perfino servizi, possono essere comprati attarverso i Gas. Dalle forniture in casa di energia e gas alle auto ibride, dalle vacanze a tutto ciò che serve all’interno dell’economia domestica.

LEGGI ANCHE: Bici elettrica e a pedalata assistita, arrivano i gruppi di acquisto per risparmiare

GAS ACQUISTI SOLIDALI

I vantaggi per i consumatori? Almeno tre. Il primo: si risparmia, in una percentuale che di solito oscilla tra il 15 e il 20 per cento, ma può arrivare anche al 30 per cento. In secondo luogo i Gas, per la loro stessa natura di gruppi, di comunità, di un Noi che si sostituisce all’Io compulsivo, esercitano un buon controllo sul rapporto qualità-prezzo di ciascun acquisto, e quindi sono una buona difesa per i consumatori rispetto appunto alla garanzia di qualità di quanto si acquista. Infine, i Gas spesso sostengono di fatto l’economia locale, i mercati a chilometro zero, i piccoli produttori e i piccoli artigiani. Tutte cose che ne fanno un caposaldo della filosofia della spesa ispirata a Non sprecare.

COME FUNZIONA UN GRUPPO DI ACQUISTO

Un gruppo di acquisto diventa solidale per diventare tale deve utilizzare il concetto di solidarietà come criterio faro nella scelta dei prodotti. Partendo da questo presupposto ogni singolo gruppo si organizza in modo autonomo secondo modalità differenti ma in generale possono operare in questo campo associazioni legalmente riconosciute, o gruppi informali, come ad esempio coloro che abitano in uno stesso condominio, che si organizzano per acquistare insieme.  Al momento questi gruppi sono più di duemila in tutta Italia, e sul sito Economia solidale si può accedere a un archivio per scoprire qual è il più vicino.

PER APPROFONDIRE: Lo sapete che insieme si possono condividere anche badanti, baby sitter, e servizi per i bambini? Il libro che racconta una nuova civiltà, utile per tutti

COME SI APRE UN GRUPPO DI ACQUISTO

Per formare un gruppo solidale d’acquisto bisogna cercare persone domiciliate in una zona abbastanza circoscritta, perché spostarsi di molti chilometri diverse volte al mese può essere svantaggioso sotto molti aspetti. Il primo passo da fare potrebbe essere quello di confrontarsi in gruppo sui propri consumi e bisogni, e quindi su che tipo di prodotti si vogliono acquistare insieme. Sappiate che ci si può sbizzarrire perché esistono gruppi solidali per acquistare automobili ma anche viaggi ed elettrodomestici. Successivamente vanno stabiliti i criteri da seguire nella ricerca dei produttori. Da questo punto in poi comincia la discesa e, facendosi orientare dal faro della solidarietà, si può approfittare di questa splendida opportunità.

In questo sito trovate tutte le indicazioni sulle cose da fare per aprire un Gruppo d’acquisto e dove si trovano quelli attualmente operativi in Italia.

COME FARE LA SPESA CON ZERO SPRECHI E MASSIMO RISPARMIO

Torna in alto